Dirigente Scolastico assegna otto classi ad un docente e quattro ai colleghi della stessa disciplina, perde in Tribunale

di redazione
ipsef

item-thumbnail

I Partigiani della Scuola Pubblica (PSP) ci comunicano l’esito positivo del ricorso di un docente contro il provvedimento di assegnazione alle classi, deciso dal Dirigente Scolastico senza aver richiesto la formulazione dei criteri al Collegio docenti.

Secondo quanto riferito dai PSP al docente in questione venivano assegnate otto classi – tra diurno e serale – senza preavviso e senza il suo consenso, mentre ai colleghi della stessa disciplina ne venivano assegnate in media 3 – 4, fino ad un massimo di 6. Il Dirigente Scolastico – proseguono i PSP – inoltre non ha inteso rispondere né formalmente, né informalmente alle richieste del docente di essere messo a conoscenza dei criteri posti alla base del provvedimento.

Il collegio docenti inoltre non sarebbe stato interpellato sui criteri da adottare, ma solo informato dopo l’emissione del provvedimento.

Il Giudice del Lavoro – comunicano i PSP – ha sospeso il provvedimento e condannato l’Amministrazione scolastica alle spese di giudizio, di circa 2.000 euro

“I Psp – conclude il comunicato – sottolineano ancora una volta che, nonostante la la l.107 del 2015, restano inalterati compiti e prerogative degli organi collegiali che non possono essere calpestati da DS che si ritengono “legibus soluti””

Versione stampabile
Argomenti:
soloformazione