Dirigente scolastica: no a recita Natale; disturba cultura di altre religioni

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Sta facendo il giro delle testate la notizia pubblicata dall’Ansa che una scuola di Terni avrebbe negato la recita natalizia, “perché disturba le diverse culture religiose presenti nell’istituto”.

Secondo quanto si legge sul sito, la dirigete scolastica si sarebbe detta contraria alla messa in scena di una rappresentazione vivente sulla nascita di Gesù. La notizia, sempre secondo quanto riferito dall’Ansa, sarebbe venuta alla luce per la denuncia dell’Assessore comunale alla scuola.

Mi auguro – ha sottolineato l’Assessore in una nota – che ci sia un ripensamento in considerazione del rispetto di quei valori cristiani che fanno parte della nostra storia e del nostro patrimonio culturale. Rispettare chi professa altre religioni non significa dover rinunciare per forza a riconoscere le nostre radici, anzi“. Secondo l’assessore “solo rispettando quello che siamo stati e, quindi, quello che siamo, riusciremo a far capire agli altri che ognuno è libero di professare la propria fede, ma è anche tenuto a rispettare la storia e la cultura del paese dove vive“.

Versione stampabile
Argomenti:
anief
soloformazione