Ritorno a scuola, Gelmini: “Lezioni in presenza per tutti. Green pass obbligatorio per docenti e Ata. No sui trasporti urbani” [VIDEO]

Stampa

Si svolge alle 15, il question time dall’Aula di Montecitorio, a cura di Rai Parlamento. La ministra degli Affari regionali e autonomie, Mariastella Gelmini, risponde ad una interrogazione sulle iniziative, in raccordo con le Regioni, volte a tutelare la salute dei cittadini con riguardo all’utilizzo dei mezzi di trasporto e alla didattica in presenza, anche con riferimento alle modalità di attuazione delle cosiddette certificazioni verdi Covid-19.

Per quanto attiene il prossimo anno scolastico le attività sarà in presenza. Ci sarà obbligo di green pass per i docenti e Ata“, ha detto la ministra Gelmini, “mentre si consiglia la vaccinazione nella fascia di età 12-19 anni“.

Ci saranno circa 450 milioni di euro per il trasporto pubblico locale. Al Ministro Bianchi sono state avanzate proposte per il ritorno a scuola. Lo scopo è quello di offrire un ritorno a scuola in presenza“, ha aggiunto Gelmini.

Per quanto riguarda i mezzi pubblici, “dal 1° settembre Green Pass necessario sui trasporti a lunga percorrenza, non per quelli intraregionali. Si va verso l’aumento della capienza dei trasporti su lunghe tratte, dal 50 all’80%“.

La stessa ministra ha confermato quanto è emerso al termine della cabina di regia che si è appena conclusa a Palazzo Chigi, che ha deciso la riapertura in presenza a settembre per le scuole di ogni ordine e grado.

Green pass scuola, ci sarà obbligo. Chi non ce l’avrà e non potrà andare a lavoro sarà assente ingiustificato. Si studia misura anche per studenti delle superiori

Stampa

Eurosofia avvia il nuovo ciclo formativo: “Coding e pensiero computazionale per la scuola del primo ciclo”