Ritorno a scuola, Sasso: “Senza vaccino studenti non andranno in DAD. Se c’è il distanziamento possono stare senza mascherina. Vaccinazione personale è atto di responsabilità” [VIDEO]

Stampa

Il Question Time in Commissione Cultura con il sottosegretario all’Istruzione, Rossano Sasso, è in programma per oggi, mercoledì 4 agosto, a partire dalle 9.

Sgombriamo il campo da ogni dubbio. Non esiste alcun obbligo vaccinale per gli studenti. Le famiglie possono stare tranquille. Il Governo sta facendo un grande lavoro per l’assoluta ripresa della didattica in presenza“, spiega il sottosegretario nel corso dell’interrogazione di Belotti.

Abbiamo messo investimenti per garantire la sicurezza degli edifici scolastici. Ma nessun obbligo di acquisto per i dirigenti scolastici“, sottolinea Rossano Sasso.

Si sente spesso parlare della curva pandemica, ma c’è un’altra curva pericolosa, insidiosa, deleteria: quella della deprivazione culturale dei nostri ragazzi, i cui effetti si vedono oggi solo in minima parte. I recenti dati Invalsi sono la punta dell’iceberg. Le scuole devono restare aperte“, ha ribadito Sasso nel suo intervento.

Sui tavoli prefettizi per i trasporti, Sasso dice: “Non sono partiti dappertutto“.

Sul piano scuola: “Oggi il Ministro dell’Istruzione lo presenterà alle Regioni“, annuncia il sottosegretario Sasso.

Sulla vaccinazione del personale scolastico: “Il personale della scuola ha risposto molto bene. Siamo oltre l’85% di personale scolastico vaccinato. Ci sono molti fuori sede che non sono stati registrati. Dunque mi sento ottimista nel dire che presto si arriverà al 90%“.

La vaccinazione è un atto di responsabilità. Eviterei l’obbligo“, ha aggiunto Sasso.

Abbiamo declinato con una nota esplicativa le indicazioni del Cts. Dove il distanziamento ci sarà i nostri studenti potrebbero stare senza mascherina. In caso contrario c’è la mascherina chirurgica o di comunità“, prosegue Rossano Sasso.

Sui test salivari Sasso dice: “Abbiamo fatto pressione per usare i test salivari. Adesso faremo una richiesta al Ministro Speranza per adottarli. Il Cts non li ha ritenuti opportuni. Per noi questo tracciamento è importante. L’ISS li ha convalidati“.

La messa in quarantena o meno non riguarda il Ministero dell’Istruzione“, risponde Rossano Sasso al deputato del M5S Marco Bella. “Non è possibile che un caso di asintomatico in classe si debba chiudere tutto e mandare in didattica a distanza la classe. I genitori hanno anche finito i permessi

Sulla questione organico covid: “Quest’anno il personale covid ci sarà, come ha sottolineato anche la mia collega sottosegretaria Floridia”.

 

Saranno sei le interrogazioni a cui risponderà l’esponente della Lega in rappresentanza del governo.

  • adozione di protocolli di prevenzione, protezione e controlli frequenti finalizzati a garantire l’avvio in sicurezza del prossimo anno scolastico in presenza (Di Giorgi);
  • avvio in presenza dell’anno scolastico 2021-2022 (Belotti);
  • progressione giuridica ed economica dei DSGA delle scuole pubbliche (Frasinetti);
  • procedure adottate dagli uffici scolastici regionali per l’assegnazione dei posti del concorso per dirigente scolastico bandito nel 2017 (Aprea);
  • misure da adottare per garantire nel prossimo anno scolastico la didattica in presenza (Carbonaro);
  • indizione del concorso abilitante per docenti (Toccafondi).

Stampa

Nel prossimo incontro de L’Eco digitale di Eurosogia parleremo di: “Il coding nella scuola del primo ciclo: imparare divertendosi”