Bianchi: “Al lavoro per rientro piccoli a scuola ma non solo. Chiudere le scuole scelta sofferta” [VIDEO]

Stampa

Question Time con il Ministro dell’Istruzione, Patrizio Bianchi, alla Camera dei Deputati.

Il Ministro ha risposto su: “Iniziative per la riapertura in sicurezza delle istituzioni scolastiche, con priorità per le scuole dell’infanzia e del primo ciclo” e “Iniziative volte a riaprire le scuole in sicurezza, anche in raccordo con il potenziamento della campagna vaccinale“.

Chiariamo. La nostra scuola non si è mai fermata e qui voglio esprimere la mia gratitudine a tutto il personale. Perchè hanno continuato a lavorare in modo proficuo nonostante tutto.”

La variante inglese ha posto più attenzione“, ha detto Bianchi nel corso del Question time. “Lo scenario epidemiologico si è modificato. La sospensione dell’attività didattica in presenza è infatti correlata alla circolazione delle varianti del Covid-19. Sebbene necessaria, è stata una decisione molto sofferta, dolorosa. La riteniamo tuttavia responsabile perché fondata sulle indicazioni scientifiche e perché volta alla tutela anche dei più giovani“.

“Ho incontrato Generale Figliuolo, ho incontrato il Professor Locatelli, nell’ambito del governo c’è un incontro continuo fra i ministri, che ha portato, nello scorso decreto legge Sostegni, a disporre trecento milioni, 335 per l’esattezza, esattamente su questo tema: 150 per quanto riguarda gli interventi di carattere ‘presìdi sanitari’, 150 per quanto riguarda il sostegno dell’attività formativa e 35 milioni posti dalla Ministra Carfagna proprio per strumenti di connessione. “, ha proseguito il Ministro in risposta all’onorevole Vacca.

Non soltanto siamo presenti, ma abbiamo chiaro che il nostro obiettivo è riportare tutti gli studenti, tutti i ragazzi, a partire dai bambini e dalle bambine, però tutti, al più presto, come ha detto oggi il nostro Presidente, nelle condizioni di essere presenti“, ha aggiunto in seguito Bianchi.

A livello nazionale siamo arrivati a circa metà dell’obiettivo nazionale della campagna vaccinale“, dice Bianchi in risposta alla deputata Bucalo. “Con il decreto-legge “Sostegni”, abbiamo stanziato, come ricordato, le necessarie risorse di 150 milioni per l’acquisto di ulteriori dispositivi di protezione e materiali per l’igiene individuale e degli ambienti, per la predisposizione di presidi medico – sanitari di supporto all’attività di somministrazione di test diagnostici alla popolazione scolastica e all’espletamento del contact tracing  per il più efficace e tempestivo raccordo con i Dipartimenti di prevenzione delle aziende sanitarie locali”.

Inoltre, spiega il Ministro Bianchi, posso rassicurare che è costante il monitoraggio della situazione relativa ai contagi e alla diffusione delle varianti del Covid-19 nelle scuole anche al fine di potenziare il piano vaccinale in tutte le realtà territoriali“.

Stampa

Il nuovo modello di PEI, Eurosofia avvia un nuovo percorso formativo. Primo incontro il 28 aprile