Dispersione scolastica, progetti speciali in 150 scuole del Sud. Valditara: “L’intento è quello di dare ai ragazzi le stesse opportunità di successo formativo”

WhatsApp
Telegram

Presentazione dell’Agenda Sud, con il ministro dell’Istruzione e del Merito, Giuseppe Valditara. Il progetto coinvolge 150 scuole selezionate attraverso le valutazioni dell’Invalsi.

L’intento è quello di dare ai ragazzi delle regioni del Sud le stesse opportunità di successo formativo. Un programma che mira a ridurre le differenze e soprattutto a unire l’Italia, sia in termini di abbandoni scolastici e sia di competenze specifiche.

“Partire dalla Calabria è un gesto di grande attenzione verso questa terra che ha straordinarie opportunità e anche per lanciare un segnale a tutto il Mezzogiorno e al Paese”, ha detto Valditara.

“Soprattutto perché è inaccettabile che si continuino a leggere i report dell’Ocse, delle agenzie formative, che danno dei risultati purtroppo drammaticamente diversi sulle performance degli studenti di una parte del Paese e quelli del Sud Italia. Da oggi noi iniziamo un percorso per dare un’opportunità di successo formativo a tutti i giovani, in particolare a quelli delle regioni meridionali”.

“Il Pnrr interviene già in modo importante con delle risorse ma noi oggi andiamo oltre: noi oggi intendiamo dare una visione e una strategia che sino a ora è mancata, andando ad affrontare delle tematiche che danno luogo a quella dispersione esplicita e quella dispersione implicita che per certi aspetti è ancora più grave”.

“Partiremo con una sperimentazione che coinvolgerà da subito 150 scuole nel Mezzogiorno ma stiamo reperendo risorse per far sì che questa platea possa essere ulteriormente aumentata. – ha continuato Valditara – le scuole saranno individuate grazie allo strumento dell’Invalsi, sulla base di dati oggettivi: la dispersione scolastica, l’abbandono in corso d’anno, le assenze, la fragilità nei risultati dell’apprendimento e il contesto socio-economico”.

“La sperimentazione durerà due anni e poi vorremmo estenderla progressivamente a tutte le realtà del Mezzogiorno che dimostrino fragilità – ha aggiunto ancora Valditara – Esiste la necessità di avviare una didattica innovativa e laboratoriale, cioè sono necessari luoghi di apprendimento fortemente innovativi superando il paradigma dell’insegnamento basato sulla lezione frontale: in queste scuole sperimenteremo, con l’aiuto dell’Invalsi e dei tecnici, nuove metodologie didattiche”.

“Da novembre 2022 a oggi abbiamo autorizzato e sbloccato le seguenti risorse per le regioni del Mezzogiorno: 77,2 mln per le palestre scolastiche; 608 mln per la messa in sicurezza; 694 mln per la scuola 4.0; 255,8 mln per la dispersione scolastica; 300 mln per le Stem, la metà dell’investimento complessivo; per la formazione del personale scolastico 180 mln; per gli Its 464 mln di euro. In totale più di 2,5 mld per le regioni del Mezzogiorno”, ha concluso il ministro.

WhatsApp
Telegram

Abilitazione all’insegnamento 30 CFU. Corsi Abilitanti online attivi! Università Dante Alighieri