Diplomati magistrali. Perchè è così difficile, far rispettare la legge? Lettera

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Inviato da Luca Fontana – E’ così difficile far rispettare la legge?

L’ultima novità sulla questione dei diplomati magistrali è il mantenimento delle supplenze sulle cattedre su cui hanno insegnato lo scorso anno. Lo sanno al ministero che ci sono insegnanti che non hanno insegnato o hanno insegnato su spezzoni proprio per l’inserimento (ad oggi si può dire non legale) di centinaia di maestre con il solo diploma magistrale?

Mantenere le supplenze vuol dire reiterare un danno già fatto l’anno scorso alle maestre che a pieno titolo si trovavano in graduatoria e che non hanno lavorato.

E’ così difficile dire: la sentenza ha detto che e, in modo lineare, applicarla? Quando si è trattato di applicare la sentenza favorevole ai diplomati magistrali non ci sono stati troppi problemi ad inserirli nelle graduatorie e dargli le supplenze sottraendole a chi era dentro a pieno titolo. Come mai adesso il percorso inverso è tanto problematico?

Sinceramente non capisco nemmeno gli appelli delle varie regione (vedi Friuli Venezia Giulia) che affermano che rimarranno senza supplenti. I docenti con il diploma magistrale verranno spostati dalla prima ad un’altra fascia e lavoreranno sulle supplenze come fanno tutti quelli iscritti nelle fasce inferiori, se gli spetta.

E, in ogni caso, perchè trovare una via d’uscita ad ogni costo ad una categoria che ha combattuto una battaglia esclusivamente legale e l’ha persa? Perchè cercare soluzioni che danneggiano altre categorie (insisto, che già sono state danneggiate con la mancanza di lavoro lo scorso anno)?

Perchè è così difficile far rispettare la legge?

Versione stampabile
anief anief
soloformazione