Diplomati magistrali: illegittimi i decreti che non permettono inserimento nelle GaE. Ma il Miur non estende a tutti

Stampa

Le sentenze si susseguono nei vari tribunali d'Italia, ma l'interpretazione del Miur riguardo l'inserimento dei diplomati magistrale in GaE è sempre restrittiva.

Le sentenze si susseguono nei vari tribunali d'Italia, ma l'interpretazione del Miur riguardo l'inserimento dei diplomati magistrale in GaE è sempre restrittiva.

Il Giudice del Lavoro del Tribunale di Como ha accolto le motivazioni della UIL Scuola Como disponendo di inserire nelle Graduatorie ad esaurimento i ricorrenti in possesso del Diploma Magistrale.

Si riporta l'estratto della sentenza:

" Il DM 235/2014 deve ritenersi illegittimo nella parte in cui impedisce l’iscrizione nelle graduatorie permanenti (ora in esaurimento a seguito dell’intervento legislativo di cui all’art. 1 c. 605 lett. c) L. 296/2006) dei docenti in possesso di titolo abilitante all’insegnamento conseguito anteriormente all’anno 2001-2002. E’ infatti da rilevare come il diploma magistrale ottenuto prima di tale anno debba considerarsi in via permanente titolo abilitativo all’insegnamento ed insuscettibile di perdere il proprio valore. In tal senso depongono svariati interventi normativi a partire dalla L. 341/1990 (art. 3 c. 2 attuato dall’art. 2 c. 1 decreto interministeriale 10 Marzo 1997) fino alla L. 425/1997 a seguito della quale venne emanato il DPR 323/1998 il cui art. 15 ribadisce il valore abilitante all’insegnamento dei diplomi magistrali conseguiti entro l’anno 2001-2002.

Tale granitico impianto normativo non può certamente considerarsi posto in discussione dall’art. 1 c. 605 lett. c) L. 296/2006 che, nel trasformare le graduatorie permanenti in graduatorie ad esaurimento ed imponendo un termine di decadenza al 2008 per l’inserimento in queste ultime dei docenti già in possesso di abilitazione, non può certamente ritenersi concernere la posizione dei docenti di cui si discute nel presente processo al cui titolo di studio il legislatore (anche avvalendosi di fonti normative sub legislative) aveva fin da tempi ben più lontani attribuito un inequivocabile valore abilitante permanente.

Il ricorso non può pertanto che trovare pieno accoglimento sia sotto il profilo cautelare che nel merito"

Dello stesso tenore altre sentenze del sindacato ANIEF Diplomati magistrale hanno diritto all'inserimento in Graduatorie ad esaurimento: 5 nuove sentenze Anief

I docenti interessati propongono anche di portare in piazza la protesta. Diplomati magistrali: i ricorsi non bastano…organizziamo la protesta! Presidio a Milano il 28 novembre

Ma anche dopo questi risultati, l'interpretazione del Miur rimane sempre quella di non estendere a tutti la possibilità di inserimento nelle Graduatorie ad esaurimento, come indicato dal Sottosegretario Angela D'Onghia ad una interrogazione parlamentare sui diplomati magistrale della Senatrice Blundo (M5S):

Secondo il Governo infatti "il contenzioso relativo all'inserimento in graduatorie ad esaurimento dei docenti muniti di diploma magistrale conseguito entro l'anno scolastico 2001/2002 non vede l'Amministrazione soccombente in tutti i giudizi promossi dagli aspiranti, laddove, viceversa, si registrano numerosissime pronunce favorevoli alla stessa."

E dunque ciò costringe i precari a rivolgersi ai Tribunali per ottenere lo stesso diritto di chi ha già avuto sentenza favorevole.

Stampa

Concorsi ordinari docenti entro il 2021, anche DSGA. Preparati con CFIScuola!