Diplomati magistrali, abbiamo diritto ad entrare in GaE, soddisfatti della decisione del CdS

WhatsApp
Telegram

Il Comitato Diplomati Magistrali Abilitati (C.D.M.A) intende esprimere felicità e soddisfazione per l’accoglimento del ricorso in appello di alcuni colleghi, da parte del Consiglio di Stato.

Seppur in via cautelare, il massimo organo della giustizia amministrativa ha disposto nuovamente l’inserimento dei diplomati in GAE, ribaltando in sostanza la tesi del TAR LAZIO, che sosteneva la necessità di dover impugnare il DM. 235/2014. Le motivazioni, espresse dai giudici nell’ordinanza, rivestono un’importanza vitale e confermano ciò che abbiamo sempre sostenuto:
“- all’esame caratteristico della fase cautelare, l’appello è fornito di fumus, poiché il D.M. 235/2014, atto di natura regolamentare, è stato annullato con efficacia erga omnes dalla sentenza della Sezione 16 aprile 2015, n. 1973, nella parte in cui non consente l’ingresso nelle GAE dei diplomati magistrali, sicché non è quindi possibile ravvisare una tardiva impugnazione di un atto già annullato, che non più esiste;

– d’altro canto, la sussistenza del titolo all’inserimento dei diplomati in questione è stata di recente ribadita dalla pronuncia C.d.S., Ad. Plen., 27 aprile 2016, n. 1;…”

Pertanto, attendiamo fiduciosi l’Adunanza Plenaria che dovrà esprimersi sul merito dei contenziosi. Noi speriamo che i giudici facciano veramente giustizia, una volta per tutte. Non è più possibile andare avanti così, perché la nostra categoria è stata vittima di pesanti ingiustizie, per anni. Le graduatorie ad esaurimento ci spettano: ormai è assodato! Nutriamo enorme fiducia nel Consiglio di Stato! Ringraziamo con affetto tutti gli avvocati e le associazioni che ogni giorno si battono per i diritti dei diplomati magistrali! Le nostre vite sono nelle vostre mani!

Il Presidente

Liberato Gioia

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur