Diplomati magistrale. UIL Catania: distinguere tra ricorsi al TAR e ricorsi al Giudice del lavoro

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Nota del Segretario UIL Scuola Catania Salvo Mavica

“La UIL Scuola di Catania *** con la presente comunicazione intende chiarire ai propri e proprie aderenti qual’è la situazione attuale a proposito dei ricorrenti in possesso di diploma magistrale:

Occorre, anzitutto, distinguere i ricorsi pendenti innanzi alla giustizia amministrativa (TAR e Consiglio di Stato) da quelli pendenti innanzi alla giustizia ordinaria (Tribunale del Lavoro).

Per quanto riguarda i ricorsi pendenti innanzi alla giustizia amministrativa: la sentenza dell’Adunanza Plenaria ha effetto di giudicato solo ed esclusivamente nel giudizio definito. Rappresenta, tuttavia, un autorevole precedente e purtroppo sfavorevole. Prudenza ed esperienza, però, consigliano di attendere le sentenze che la VI sezione del Consiglio di Stato (sezione a cui è assegnato il contenzioso in materia scolastica) emetterà nei prossimi mesi al fine di capire se tale sezione si uniformerà all’orientamento espresso dall’Adunanza Plenaria.

Vogliamo tranquillizzare coloro che, nei mesi precedenti, hanno ottenuto l’inserimento con riserva nella GAE. La revoca del posto o del ruolo non avverrà in automatico ma occorrerà che il provvedimento cautelare in forza del quale si è ottenuto l’inserimento venga revocato con la sentenza che definirà il giudizio.

Per quanto riguarda, invece, i ricorsi pendenti innanzi alla giustizia ordinaria non cambia nulla.”

Versione stampabile
Argomenti:
anief anief voglioinsegnare