Diplomati magistrale, senza concorso niente ruolo. Lettera

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Libero Tassella – I docenti con il Diploma Magistrale conseguito con un corso di 4 anni tanti anni fa negli istituti magistrali statali e privati:

1) Hanno un titolo di studio ritenuto per legge ancora valido per insegnare.

2) Non hanno invece un’idoneità, conseguita con una qualsivoglia procedura concorsuale.

3) Non avendo il titolo sub 2) non possono essere inseriti a pieno titolo in una graduatoria finalizzata alla stabilizzazione del rapporto di lavoro ( immissione in ruolo).

5 ) Il solo diploma magistrale quadriennale non è un titolo sufficiente per essere inseriti in Gae e le Gae sono state chiuse da tempo non sono possibili nuovi inserimenti talaltro di aspiranti con carenza di requisiti.

6) C’é una sentenza del Consiglio di Stato da rispettare che sana errori ed errori giudiziari di ricorrenti sollecitati negli scorsi anni da studi di avvocati e dai sindacati e che hanno scambiato un concorso mai superato per un ricorso accolto da un tribunale , credendo ormai che ne la scuola si entri in ruolo non per concorso ma per ricorso .

7) Oggi il Governo giallo verde, invece di provvedere all’applicazione dela sentenza senza rapporti alcun indugi e ripristinare da subito i diritti di coloro che sono in GAE a pieno titolo, provvedendo ai conseguenziali atti amministrativi con le immissioni in ruolo dovute con decorrenza 1.9.2018 e supplenze a.s. 2018/19 al posto di chi non ha i titoli necessari sufficienti concede una proroga di 120 giorni ( 4 mesi) ai benefici a chi non ha diritto ad essere in Gae come detto chiaramente dal Consiglio di Stato fin dallo scorso dicembre e si avvia a un condono a anno scolastico 2018/19 avviato.

Ci sarebbe bisogno:

1) Che si ripristino i diritti dei docenti in Gae danneggiati dall’inserimento di chi non ha diritto ad esserci e che quest’anno si vedranno negato ancora una volta il diritto al ruolo o alla supplenza nell’a.s. 2018/19. I docenti danneggiati dovrebbero protestare energicamente e rivolgersi ai tribunali.

2) Prevedere per i DM, ma solo per quelli con un servizio almeno triennale , un percorso concorsuale selettivo per poi inserirsi in una graduatoria regionale ai fini delle immissioni in ruolo che sarà scorsa solo in caso di esaurimento delle Gae.

Versione stampabile
anief anief
soloformazione