Diplomati magistrale: pronti a migliorare la nostra preparazione. Lettera

WhatsApp
Telegram

Maria Loparco – Sono Mariella ho 38 anni e dopo aver letto per anni articoli di proteste e appelli vari, decido da diplomata magistrale “Abilitata” di dire anch’io la mia a prescindere da quello che sarà l’esito dell’ adunanza plenaria del 15 novembre.

Nessun diplomato vuole denigrare i laureati, anzi, ma sarebbe quantomeno rispettoso anche da parte loro di non ledere la nostra di dignità’, molti di noi non sono dei laureati solo perché è mancata  la possibilità non le capacità.

Il nostro è un diploma che  ci siamo guadagnati, per cinque anni ci hanno formati per insegnare,  è quello che abbiamo scelto ma che ingiustamente non ci è’ stato concesso di fare, oltretutto è un controsenso stabilire che il nostro è un diploma idoneo a sostituire docenti di ruolo con supplenze per un intero anno ma non lo è per insegnare stabilmente, non c’è alcuna logica in questo, tappabuchi si ma di ruolo no, perché?

I lavori che abbiamo svolto e che spesso sono stati messi alla gogna sono sicuramente dignitosi al pari di qualsiasi altro lavoro, non avremo formato dei bambini pur avendone le capacità ma abbiamo contribuito a sostenere l’ economia del paese che è un bene anche per  i bambini e siamo pronti a migliorare la nostra preparazione sin dal primo istante.

Non ci si può fare una colpa se ora finalmente ci tendono una mano e vogliamo afferrarla, perché siamo solo colpevoli di voler inseguire il sogno di una vita pronti a qualsiasi sacrificio per farlo, fare la ” gavetta”, lasciare i propri affetti e la propria casa per inseguire questo sogno anche a chilometri di distanza con tutti i sacrifici che questo comporta e non per un beneficio economico come più volte sottolineato in modo negativo, in quanto molti di noi hanno già una stabilità economica, ma perché vogliamo rivestire il ruolo che ci spetta, da persone mature, responsabili e con esperienza di vita che dovrebbe essere considerato un valore aggiunto e non un punto a sfavore.

La maggior parte di noi, diplomati e laureati,  è stata formata nell’ infanzia da diplomati magistrale  e non penso si possa dire che siamo venuti su male.

WhatsApp
Telegram

ASUNIVER e MNEMOSINE, dottorato di ricerca in Spagna: cresci professionalmente e accedi alla carriera universitaria con tre anni di congedo retribuito