Diplomati magistrale, no sanatoria. Cisl: quarta fascia per assunzioni

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Quale sarà la decisione finale per i diplomati magistrale? La questione più spinosa riguarda i docenti già assunti a tempo indeterminato ma con riserva, per i quali il parere dell’Avvocatura dello Stato non lascia scampo.

Ma anche la sorte degli altri quasi cinquantamila docenti è appesa alle decisioni che il nuovo Governo assumerà?

Quando? Il numero maggiore di contratti scade il 30 giugno 2018, moltissime sono le udienze di merito calendarizzate per l’estate, da settembre il rischio è quello di un avvicendarsi di insegnanti nelle classi. Problemi vecchi che l’incapacità politica di trovare una soluzione hanno esasperato fino a creare una vera e propria emergenza sociale. Il Ministro Fedeli è stato chiato: no sanatoria, la soluzione dovrà giungere dal Parlamento.

Diritto all’assunzione

Dall’altro lato un numero altrettanto cospicuo di docennti che rivendica il diritto all’assunzione, dagli iscritti nelle GaE di infanzia e primaria, ai vincitori ed idonei del concorso a cattedra 2016, ai laureati in Scienze della formazione primaria.

Quale potrebbe essere una soluzione che tenga conto di tutte queste esperienze? Quali saranno i tempi per le assunzioni?

Le proposte politiche

La proposta di Forza Italia trova consensi, ma non è l’unica. All’interno dello stesso gruppo parlamentare infatti c’è chi propone la riapertura delle GaE.

A ancora l’interrogazione di Fratelli d’Italia sempre per la riapertura delle GaE (l’idea è portata avanti dal sindacato Anief), e la mozione della Lega per far sì che la questione diventi “d’urgenza ” e permetta al governo di legiferare già entro il mese di maggio. Non trova molti consensi invece l’idea del PD di un concorso selettivo solo per i docenti con tre anni di servizio.

Le proposte sindacali

I sindacati firmatari del contratto da canto loro sono a favore della procedura riservata con valorizzazione del servizio. <“La Cisl – riferisce Repubblica in un articolo di ieri firmato da Corrado Zunino – ha proposto la creazione di una quarta fascia alla quale attingere per le assunzioni seguendo sempre criteri di ordine per punteggi”.

Potrebbe essere la soluzione più plausibile? Certo è che la politica una risposta dovrà darla in tempi brevi.

Versione stampabile
Argomenti:
anief anief
soloformazione