Diplomati magistrale. Con l’esito della Plenaria si innesca l’ennesima guerra tra poveri. Lettera

Stampa

I precari storici presenti in GAE dopo le assunzioni del piano straordinari della Buona Scuola, stanno subendo l'ennesima vergognosa ingiustizia:l'inserimento A PETTINE di migliaia di ricorsisti con il diploma magistrale ante 2001/2002.

I precari storici presenti in GAE dopo le assunzioni del piano straordinari della Buona Scuola, stanno subendo l'ennesima vergognosa ingiustizia:l'inserimento A PETTINE di migliaia di ricorsisti con il diploma magistrale ante 2001/2002.

Pare che anche l'Adunanza Plenaria, senza considerare il danno arrecato a tanti docenti già presenti in gae da decenni, si sia espressa favorevolmente all'ingresso dei diplomati magistrali: viene dato così il via libera all'ennesima guerra tra poveri, che si tradurrà in altre migliaia di ricorsi.

In particolare la GAE INFANZIA, è stata la più penalizzata; non solo essa ha dovuto subire l'ingiusta esclusione dalle immissioni in ruolo, giustificata da un piano di riforma in seno alla scuola dell'infanzia, di cui ad oggi non si hanno notizie, ma ha raggiunto il COLMO con l'illegittimo inserimento a pettine di migliaia di diplomati magistrali, senza il titolo che invece è stato richiesto a TUTTI per accedervi: la prova concorsuale.

Lo Stato dovrà rifare i suoi conti rispetto ai docenti ad oggi presenti in GAE, il numero è praticamente raddoppiato, e questo a danno di docenti che aspettano da TROPPO tempo il loro giusto diritto al ruolo, per titolo conseguito, e non per grazia ricevuta come sta accadendo in questi mesi.

I precari della GAE INFANZIA chiedono al governo di intervenire affinchè tale modalità barbara di inserimento di diplomati ricorsisti in gae, avvenga in coda e non a pettine, perché se si intende cambiare le regole dopo che da tutti sono state osservate, lo si deve fare senza andare a ledere i diritti di quei TUTTI, che sono i primi ad essere stati penalizzati.

ALBA OLIVIERI

GAE INFANZIA

Stampa

Concorsi ordinari docenti entro il 31 dicembre 2021. Il 9 novembre ne parliamo in diretta. Registrati al webinar