Diplomati magistrale, Lavoratori Scuola: decadenza ruolo solo dopo sentenza merito

di redazione
ipsef

item-thumbnail

comunicato Coordinamento Lavoratori Scuola Emilia Romagna – Oggi mercoledì 23 maggio una delegazione di maestre e maestri del Coordinamento Lavoratori Scuola dell’Emilia Romagna (aderente ai Lavoratori Scuola Uniti) ha incontrato il dott. Versari, dirigente dell’Ufficio scolastico regionale dell’Emilia Romagna. L’incontro è avvenuto durante il presidio permanente davanti all’Usr a Bologna: da lunedì mattina le maestre e i maestri sono in picchetto in via de’ Castagnoli (il picchetto proseguirà fino a giovedì sera), diffondendo migliaia di volantini e gridando slogan contro il licenziamento di massa.

La mobilitazione delle maestre a Bologna ha ottenuto un primo risultato: il dirigente dell’Usr ha smentito le dichiarazioni di quei dirigenti che hanno annunciato la rescissione dei contratti di ruolo a fine giugno (prima della sentenza di merito). Il dott. Versari ha affermato categoricamente che solo l’Ufficio scolastico regionale è autorizzato a intervenire in questo senso e comunque solo in seguito ad eventuali sentenze di merito: ha annunciato che verrà emanata una nota di chiarimento in questo senso, onde evitare abusi da parte dei dirigenti scolastici.

Le maestre hanno poi richiesto una presa di posizione da parte dell’Ufficio scolastico regionale dell’Emilia Romagna a favore di un intervento politico del governo a difesa del posto di lavoro dei diplomati magistrali.

Infine le maestre hanno chiesto chiarimenti su come intende agire l’Usr in seguito alla ricezione di eventuali sentenze di merito. Su questo punto non abbiamo ricevuto risposte, se non la conferma che ogni sentenza sarà valutata a sé in relazione al contenuto della stessa.

Il Coordinamento Lavoratori Scuola Emilia Romagna ritiene che l’esito di questo incontro confermi quello che le maestre hanno gridato in occasione del presidio permanente: occorre proseguire a oltranza con la mobilitazione cercando di organizzare una presenza massiccia a Roma in occasione dello sciopero del 29 maggio. La maestra non si tocca la difenderemo con la lotta! Tutti in sciopero e a Roma il 29 maggio!

Versione stampabile
Argomenti:
anief
soloformazione