Diplomati magistrale, Lavoratori scuola autorganizzati: 1 maggio corteo a Milano

di redazione
ipsef

item-thumbnail

comunicato*- Non si arresta la protesta delle maestre e dei maestri che rischiano di essere licenziati a causa di una sentenza del Consiglio di Stato che, smentendo se stessa, segnerà il più grave licenziamento di massa mai avvenuto nella storia del pubblico impiego del nostro paese.

Questi licenziamenti genereranno gravi conseguenze in termini di garanzia del servizio pubblico a causa di un provvedimento emesso in assenza dell’intervento del legislatore che negli anni ha preferito delegare ai tribunali anziché regolamentare il diritto alla stabilizzazione dei docenti e il diritto alla continuità didattica degli alunni.

Oltre ad essere relegati nelle graduatorie ad istituto, a causa della legge 107/15, comma 131, migliaia di docenti verranno totalmente estromessi dal mondo della scuola.

Tenuto conto dei numerosi pensionamenti e della carenza strutturale di aspiranti docenti, specie nelle regioni del nord Italia, ci chiediamo in che modo si possa gestire e garantire il diritto allo studio e il servizio pubblico.

Anche per questo il 1 Maggio, in sostegno delle colleghe in sciopero della fame a Roma ed insieme ai fattorini del Delivery food, sfruttati tra gli sfruttati, apriremo il corteo pomeridiano contro lo sfruttamento che si terrà a Milano.

Concentramento Stazione Centrale, ore 14:30.

Il 2 maggio torneremo nuovamente in piazza, all’Ufficio Scolastico Regionale della Lombardia, per chiedere l’apertura di un tavolo di confronto permanente con l’amministrazione territoriale.

*Lavoratori della scuola autorganizzati
Coordinamento lavoratori della scuola “3 Ottobre”

Versione stampabile
Argomenti:
anief anief
soloformazione