Diplomati magistrale in GaE: la risposta del Parlamento europeo. La battaglia prosegue nei tribunali

Stampa

I parlamentari Marco Valli ed Isabella Adinolfi (M5S) sono stati contattati dal “ Comitato per l'inserimento dei diplomati magistrale abilitati in Gae”  fondato e gestito su Facebook dal Prof. Liberato Gioia, per la presentazione di una interrogazione al Parlamento europeo.

I parlamentari Marco Valli ed Isabella Adinolfi (M5S) sono stati contattati dal “ Comitato per l'inserimento dei diplomati magistrale abilitati in Gae”  fondato e gestito su Facebook dal Prof. Liberato Gioia, per la presentazione di una interrogazione al Parlamento europeo.

I pentastellati europei, rispondendo immediatamente alla richiesta d'aiuto, a metà settembre hanno depositato la seguente interrogazione parlamentare, registrata solamente in data 8 ottobre 2015 a causa del ritardo dovuto ad una revisione al regolamento interno al Parlamento:

“Interrogazione con richiesta di risposta scritta E-013639/2015 alla Commissione – 8 ottobre 2015

Articolo 130 del regolamento

Isabella Adinolfi (EFDD), Marco Valli (EFDD), Laura Agea (EFDD), Laura Ferrara (EFDD), Daniela Aiuto (EFDD) e Tiziana Beghin (EFDD)

Oggetto: Inserimento dei diplomati magistrali abilitati nelle GAE

Il comitato per l'inserimento dei diplomati magistrali nelle graduatorie a esaurimento (GaE) lamenta il mancato riconoscimento dei diplomi magistrali precedenti al 2002 da parte del ministero dell'Università e della Ricerca (Miur). Di conseguenza, ai docenti precari in possesso di tale diploma è inibito l'accesso alle suddette graduatorie, che può condurre ad essere immessi in ruolo e assunti con contratto a tempo indeterminato. La consolidata giurisprudenza del Consiglio di Stato in materia ha sancito il diritto all'inserimento nelle graduatorie a esaurimento ai diplomati magistrali di cui trattasi, ma le sentenze della massima assise amministrativa italiana – estendibili erga omnes – hanno indotto il Miur a inserire in graduatoria solo gli insegnanti ricorrenti.

Può la Commissione precisare quanto segue:

1. Ritiene nel caso di specie di dover intervenire per tutelare il diritto al riconoscimento delle qualifiche professionali sancito nella direttiva 2005/36/CE del 7 settembre 2005, recepita in Italia dal decreto legge 9/11/2007 n. 206?

2. Ritiene di doversi attivare per far cessare la possibile violazione dell'articolo 4.3 del TUE sul dovere di leale cooperazione tra Unione e Stati membri e dei principi generali del diritto dell'Unione quali la certezza del diritto e la non discriminazione, oltre che della direttiva 1999/70/CE del Consiglio sul lavoro a tempo determinato?”

La risposta, pervenuta dalla Commissione parlamentare purtroppo non aggiunge elementi nuovi a quanto già si conosceva "La Commissione è già intervenuta in passato per garantire il riconoscimento in altri Stati membri dell'UE della qualifica professionale di tali insegnanti, conformemente a quanto disposto nella direttiva 2005/36/CE"

Pertanto, la battaglia dei diplomati magistrale prosegue nelle aule dei tribunali, dove si alternano sentente positive ad altre di diniego alla richieste di inserimento in Graduatoria ad esaurimento.

Stampa

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur