Diplomati magistrale in GaE: alcuni sono già in ruolo, altri sono supplenti, tutti mantengono funzionante la scuola italiana

di redazione
ipsef

item-thumbnail

comunicato – Nei prossimi giorni il Consiglio di Stato si riunirà in Adunanza Plenaria per dirimere una volta per tutte l’intricata vicenda dei diplomati magistrali e l’inserimento nelle graduatorie ad esaurimento. Finalmente, i giudici di Palazzo Spada si esprimeranno nel merito della questione, ponendo fine ad un’ attesa straziante ed ormai difficile da sostenere psicologicamente.

Rinnoviamo la nostra massima fiducia nell’operato del CDS, che ha sempre deciso con grande senso di giustizia e responsabilità. Numerosissimi sono i decreti e le ordinanze cautelari (anche recenti), che intimano l’amministrazione ad inserire nelle GAE i possessori di diploma magistrale abilitante e (se in posizione utile) permettere la stipula di contratti a tempo determinato o indeterminato. Il CDS ha ribaltato persino sentenze di rigetto del TAR LAZIO, ammettendo i diplomati nelle graduatorie.

Molti docenti hanno già firmato un contratto a tempo indeterminato con addirittura anno di prova SUPERATO, avendo legittimamente tutti i requisiti e i diritti per ottenerlo: TITOLI (diploma abilitante e in molteplici casi laurea; in alcuni casi, condizioni di invalidità/disabilità certificate) E SERVIZIO.

Inoltre, tanti sono coloro che lavorano con contratto a tempo determinato e mantengono viva e funzionante la scuola italiana, con immenso spirito di sacrificio.

Comunque, le GAE sono un diritto sacrosanto di tutti i diplomati magistrali e lotteremo civilmente e strenuamente, per ottenerle.

Siamo fermamente convinti che i giudici confermeranno il loro orientamento in sede di plenaria, anche perchè non ci sono elementi giuridici che facciano presupporre il contrario. La credibilità delle istituzioni e della giustizia italiana si fonda e si “misura” anche su questo e noi vogliamo continuare a crederci, in quanto cittadini onesti e lavoratori.

Un diritto ci è stato negato per anni, abbiamo subìto e stiamo subendo attacchi mediatici da tutte le parti ma non ci siamo mai fermati, coscienti di essere dalla parte della ragione e del giusto.

Ringraziamo tutti gli avvocati e associazioni/sindacati che ci tutelano e lavorano con competenza e serietà, per condurci alla vittoria definitiva. Ai giudici auguriamo un lavoro sereno.

Tutti i membri del C.D.M.A. Comitato diplomati magistrali abilitati.

Il rappresentante

Liberato Gioia

Versione stampabile
Argomenti:
anief
soloformazione