Diplomati magistrale fuori da GaE. Cangemi (PCI): solidarietà con i lavoratori, pronti alla mobilitazione

Stampa

comunicato – Drammatiche si annunciano le conseguenze della sentenza della Plenaria del Consiglio di Stato, che rovesciando, incredibilmente, orientamenti giuridici consolidati, respinge l’inserimento dei diplomati magistrali nelle Graduatorie a esaurimento. 

Una decisione gravissima che colpisce decine di migliaia di lavoratrici e lavoratori, la grande maggioranza delle regioni meridionali e con lunghi anni di lavoro precario sulle spalle – ha dichiarato Luca Cangemi, responsabile nazionale scuola del PCI.

Da PD e MIUR arrivano stridule grida di soddisfazione: incuranti di ogni conseguenza sociale, celebrano la vittoria della loro ignobile creatura , la “buona scuola”, di cui è, invece, evidente il fallimento e l’illegittimità.

Adesso è il momento della lotta, non deve prevale la rassegnazione. E’ necessaria una grande mobilitazione per ottenere una soluzione politica , ad un problema che è sempre stato un problema politico, responsabilità delle classi dirigenti di questo paese che hanno imposto largamente precarietà ed insicurezza.

Il PCI esprimendo la sua totale solidarietà con il lavoratori e le lavoratrici colpiti da questa incredibile sentenza, dichiara di essere pronto a sostenere attivamente le mobilitazioni già previste e fa appello per una nuova fase di lotta per azzerare le controriforme renziane che hanno devastato il mondo dell’istruzione-ha concluso Cangemi.

Stampa

Il nuovo programma di supporto gratuito Trinity per docenti di lingua inglese