Diplomati magistrale, Fedeli: “Decreto impercorribile. Lega depositi una proposta di legge”

di redazione
ipsef

item-thumbnail

comuniato Ministero – “Al senatore Mario Pittoni, che torna a chiedere a questo governo un provvedimento relativo alla vicenda dei diplomati magistrali insegnanti nella scuola dell’infanzia e della primaria, chiederei di dimostrare senso di responsabilità e di depositare una proposta di legge utile ad affrontare tale questione”.

Ad oggi infatti – continua la Fedeli – non risulta depositato in Parlamento dalla Lega alcun testo contenente un’ipotesi di soluzione o anche solo un’indicazione di quale sia, secondo il partito di Matteo Salvini, il perimetro in cui muoversi per dare risposte concrete ai diplomati magistrali, ai laureati in Scienze della formazione primaria, agli iscritti storici nelle Gae e ai vincitori di concorso”.

Così la Ministra dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca Valeria Fedeli risponde al senatore della Lega Pittoni, che ha fatto recapitare al MIUR una lettera di alcune insegnanti di una scuola di Udine. “Il senatore Pittoni sa bene che il Ministero che ho l’onore di guidare ha agito con serietà, celerità e rispetto nei confronti di tutti i soggetti interessati da tale vicenda, chiedendo un parere all’Avvocatura dello Stato immediatamente dopo la sentenza del Consiglio di Stato del 20 dicembre 2017 e incontrando a partire dal 4 gennaio e fino ad oggi le parti sociali e i gruppi toccati dalla sentenza. Così come il senatore Pittoni sa che, ai sensi della normativa vigente e a seguito della decisione del Consiglio di Stato, non è possibile né percorribile alcuna soluzione amministrativa” prosegue la Ministra.

La soluzione deve essere necessariamente legislativa. E se è vero, come è vero, che è il Parlamento che deve legiferare, se è vero che la Lega sta dando vita a una maggioranza parlamentare insieme al Movimento 5 Stelle, depositino una proposta di legge in cui si dica chiaramente come intendono risolvere la questione. Se non lo fanno – conclude Fedeli -, se continuano ad invocare la non percorribile strada di un decreto emanato da un governo attualmente in carica per il disbrigo degli affari correnti, se anche adesso che si presentano come parte di una maggioranza parlamentare continuano a presentare testi in cui non c’è traccia di proposte di soluzione concrete, Pittoni e i suoi colleghi di partito e di alleanza dimostrano soltanto un ben scarso senso di responsabilità”.

Versione stampabile
soloformazione