Diplomati magistrale, Fantò (PSI): serve soluzione politica. Rischio licenziamento dopo 36 mesi di supplenze

WhatsApp
Telegram

comunicato Luca Fantò (PSI) – Sono molte le criticità con cui si chiude il 2017 per il mondo della scuola.

A cominciare dalla sentenza di pochi giorni fa in cui il Consiglio di Stato ha negato il diritto ai diplomati magistrali prima del 2001-2002 ad essere inseriti nelle graduatorie ad esaurimento (GAE). Si è trattato di un giudizio che potrebbe avere effetti devastanti per molti docenti, alcuni dei quali già assunti in ruolo.Nei prossimi mesi, numerosi insegnanti della scuola primaria potrebbero infatti perdere il ruolo e assumere incarichi di supplenza annuale col rischio, in base alla legge 107/2015, di essere licenziati definitivamente al raggiungimento dei 36 mesi di servizio.

La decisione del Consiglio di Stato inoltre, contraddice numerose sentenze precedenti originando numerose situazioni di disparità.

E’ quindi evidente come sia proprio il protrarsi di disparità all’interno del mondo della scuola pubblica, una delle cause del malessere che attanaglia docenti e personale scolastico.

Noi socialisti non possiamo ritenere accettabile che si applichi, all’interno dell’Istituzione che più di tutte dovrebbe garantire pari opportunità a tutti i cittadini, il motto del “dividi et impera”.

Docenti e personale scolastico dovrebbero essere essi stessi il motore delle scelte da attuare per una migliore conduzione dell’Istituzione scolastica e non l’oggetto inerme del tentativo, ormai ventennale, di limitazione dell’iniziativa di chi nella scuola lavora e la scuola conosce.

Crediamo quindi che sia necessaria una soluzione politica al problema dei diplomati magistrali come a molti altri problemi che devastano la nostra scuola pubblica, ma una soluzione che sia il frutto di un reale ascolto dei docenti, del personale scolastico e dei loro rappresentanti.

Luca Fantò
Referente nazionale PSI scuola

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur