Diplomati magistrale entrano in GaE anche dopo numerosi anni di insegnamento. Lettera

Ho letto con un po’ di fastidio l’articolo riguardante il dirigente dell’ATP Mario Maviglia, il quale ha evidenziato gli effetti dell’assunzione dei docenti diplomati magistrale inseriti nel 2014.

Sono una docente entrata in GAE, diplomata magistrale, proprio nel 2014 con alle spalle 14 anni di insegnamento e come me ce ne sono tanti che finalmente si sono visti riconoscere il proprio ruolo. È probabile che nella scuola siano entrati docenti che non hanno una gran formazione, ma sono convinta che ce ne siano anche tanti che, nonostante concorsi superati e anni di insegnamento, non siano all’altezza del compito che svolgono (e io ne ho visti tanti).

Questi articoli non fanno bene ai diplomati magistrale che quotidianamente, con l’aiuto degli avvocati e dei sindacati, lottano per avere ciò che meritano. Queste affermazioni fanno fare solo dei passi indietro rispetto a qualcosa che già di per se è complessa.

Come si comporterà davanti a queste affermazioni il Consiglio di Stato, il TAR, il MIUR? È facile parlare, altro è vivere!

Bianca Del Monte

Supplenze: alla primaria in cattedra docenti “arrugginiti”

Con i 24 CFU proposti da Mnemosine puoi partecipare al Concorso. Esami in un solo giorno in tutta Italia