Diplomati magistrale fuori da GaE, Bussetti: giusto il concorso straordinario

di redazione
ipsef

item-thumbnail

“La decisione del Consiglio di Stato sui diplomati magistrali conferma la bontà e la lungimiranza delle decisioni prese dal Governo e dalla maggioranza con il Decreto Legge Dignità a tutela di questi lavoratori”.

Marco Bussetti ha aggiunto “grazie alle norme varate questa estate, infatti, il personale è stato messo nelle condizioni di partecipare a un concorso semplificato che consentirà agli interessati di accedere all’immissione in ruolo.

I magistrati amministrativi hanno fatto ulteriormente chiarezza su una vicenda molto delicata e complessa, su cui il Governo, insieme ai gruppi parlamentari di Lega e Movimento 5 Stelle, si è mosso nei modi e nei tempi giusti per salvaguardare la continuità didattica e il destino di migliaia di docenti”.

Ricordiamo che per poter procedere alle assunzioni da graduatorie del concorso straordinario indetto con DDG n. 1456 del 7 novembre 2018 le graduatorie regionali devono essere pronte entro il 30 luglio, e devono essere esaurite o non più in corso di validità le graduatorie del concorso 2016.

Nel frattempo, grazie ai posti liberi da quota 100, potranno scorrere le graduatorie del concorso 2016, con l’assunzione di quanti più idonei possibile.

Diplomati magistrale non hanno diritto a GaE: la Plenaria ha deciso

Versione stampabile
soloformazione