Diplomati magistrale, Beltrame “il salvagente che ha impedito alla scuola di affondare”

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Il Dirigente dell’USR Veneto esamina la situazione dei diplomati magistrale nella regione. Senza di essi ci sarebbero dei vuoti enormi per l’organico.

Senza i diplomati magistrale in Veneto 3.000 insegnanti in meno

Senza un decreto che sani la situazione, in Veneto all’apertura dell’anno scolastico 2018/19 potrebbero esserci 3.00 insegnanti in meno tra infanzia e primaria.

Sono 890 i docenti già immessi in ruolo con riserva, 1.200 quelli che nell’ultimo anno scolastico hanno avuto una supplenza, cui vanno ad aggiungersi i pensionamenti, quasi 900.

Scienze della formazione primaria: numeri troppo esigui

Ogni anno le Università venete bandiscono il corso di laurea in Scienze della formazione primaria per circa 200 posti, un numero esiguo per le richieste delle scuole. E cosi, afferma il Dirigente dell’USR Daniela Beltrame al Corriere del Venetoproprio i docenti magistrali sono stati il salvagente che ha impedito alla scuola di affondare

Decreto già a Palazzo Chigi

La soluzione dovrebbe però essere in arrivo. Il decreto, che dovrebbe contemperare gli interessi sia dei diplomati magistrali che dei laureati in Scienze della formazione primaria, è già a Palazzo Chigi per la condivisione e potrebbe essere inserito in uno dei prossimi Consigli dei Ministri.

Versione stampabile
Argomenti:
anief
soloformazione