Diplomati magistrale, Anief: verranno licenziati maestri con anni di esperienza

Stampa

Comunicato – Trasformazione dei contratti dei diplomati magistrale. Anief: alla fine verranno comunque licenziati maestri con anni di esperienza.

In base a quanto definito dall’approvazione del Decreto scuola, i diplomati magistrale manterranno la supplenza anche dopo l’eventuale sentenza che dovesse intervenire in corso d’anno. I contratti saranno trasformati o confermati al 30 giugno 2020 per garantire la continuità didattica. Marcello Pacifico (Anief): “Non è questa la soluzione vera da attuare nei confronti di maestri con tanti anni di esperienza, molti dei quali già in ruolo e con anno di prova superato”.

Le novità del Decreto scuola

Per i diplomati magistrale nuova ingiustizia: in caso di sentenza negativa intervenuta in corso d’anno, il loro contratto verrà trasformato o confermato in supplenza al 30 giugno 2020 e poi, essendo cancellati dalle GaE, verranno licenziati. Come riporta la rivista specializzata Orizzonte Scuola, un nuovo emendamento ha eliminato, inoltre, la parte che prevedeva lo scorrimento delle graduatorie per il conferimento dei posti resi liberi dalla trasformazione dei contratti da tempo indeterminato a tempo determinato.

Il commento di Marcello Pacifico, presidente nazionale Anief

Anief non crede che sia questa la vera soluzione. “Ben venga la tutela della continuità didattica – commenta Marcello Pacifico – ma con questa procedura i diplomati magistrale immessi in ruolo e la cui sentenza dovesse intervenire in corso d’anno saranno comunque licenziati dopo la fine di questo anno scolastico, anche se una commissione li ha già giudicati idonei e confermati in ruolo a seguito del superamento dell’anno di prova”. Secondo Pacifico, infatti, “non è assolutamente utile né coerente privarci di risorse preziose per l’istruzione scolastica: su di loro si regge il corretto svolgimento delle attività didattiche ed è assurdo continuare a sfruttarli solo come precari. Tra l’altro, secondo il nostro parere, questi maestri avevano tutto il diritto di rimanere nelle GaE. Contesteremo tutti i licenziamenti che i nostri legali riterranno illegittimi”.

Anief ricorda che è sempre possibile aderire al ricorso per contestare il licenziamento di quanti hanno già superato l’anno di prova. Per ulteriori informazioni sul ricorso, clicca qui.

Stampa