Diplomati magistrale, Anief: concorso straordinario bis con un anno di servizio

Anief – Sui 40 mila maestri con diploma magistrale in procinto di perdere il lavoro nell’indifferenza totale, a partire dal Miur, giunge un responsabile intervento della politica.

A farlo è stata la senatrice Loredana De Petris (LeU), presidente del Gruppo Misto, che ha presentato una interrogazione al Ministro dell’Istruzione per sollecitare quanto prima un intervento.

La senatrice ricorda come “le situazioni per i diplomati magistrali che saranno depennati dalle Gae, o che tra qualche mese avranno la stessa sorte di altri che sono stati depennati e licenziati a causa delle sentenze di merito negative, possono differire da caso a caso”, ma intanto “si stanno consumando numerosi licenziamenti, ultimo quello della quarantina di maestre licenziate a Lodi”.

Una situazione assurda, venutasi a creare dopo le due sentenze della plenaria del Consiglio di Stato, alle quali ha fatto seguito la decisione della Cassazione di non opporsi: così si sono chiuse le porte delle GaE ai diplomati magistrale e si è compromessa la carriera di oltre 7 mila maestri addirittura già immessi in ruolo.

“Ben venga – ha detto ancora la presidente De Petris – il testo dell’intesa del primo ottobre con le organizzazioni sindacali, che prevede l’apertura di un tavolo tematico sui Diplomati magistrali con l’obiettivo di gestire la proroga delle misure già previste nel Decreto dignità. Qui però siamo di fronte a una vera e propria emergenza, perché è messa a repentaglio sia la continuità didattica che il regolare svolgimento dell’anno scolastico”. La parlamentare ricorda che “stiamo parlando di migliaia di maestre della scuola dell’infanzia e primaria” diplomate fino al 2002, quindi non più giovanissime, “che ogni anno reggono le scuole e garantiscono il diritto allo studio dei più piccoli, quindi è necessaria una soluzione nel più stretto tempo possibile per risolvere questa emergenza. Questa soluzione dovrà annullare i licenziamenti in corso dei diplomati magistrali e tener conto degli interessi di tutti, inclusi i laureati in Scienze della Formazione primaria”, conclude la senatrice di LeU.

Secondo Anief non c’è tempo da perdere: si decida subito per avviare, tramite il decreto legge salva scuola presto all’esame del Parlamento per la sua conversione, il concorso straordinario bis anche per docenti della primaria e dell’infanzia inserendo tutti gli idonei in graduatoria, come era stato previsto a luglio, un anno di accesso come requisito e per chi è in possesso del titolo Laurea in Scienze della formazione primaria o del diploma magistrale conseguito entro a.s. 2001/02.

Il giovane sindacato ha proclamato uno sciopero nazionale, per il prossimo 12 novembre, con manifestazione davanti al palazzo dove i gruppi parlamentari dovranno decidere se risolvere la questione oppure se far tornare l’intricato caso nelle mani dei giudici.

Con i 24 CFU proposti da Mnemosine puoi partecipare al Concorso. Esami in un solo giorno in tutta Italia