Infanzia e primaria: in ruolo tramite concorso, scuola non è ammortizzatore sociale. Manifestazione a Roma il 24 febbraio, chi partecipa

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Comunicato – Difendere la qualità dell’insegnamento a scuola, affinché sia garantito a ciascun bambino il diritto ad avere in classe docenti selezionati e competenti.

Con questo unico ambizioso obiettivo laureati e studenti in Scienze della Formazione Primaria, docenti vincitori di concorso 2016 e docenti iscritti nelle graduatorie ad esaurimento di scuola dell’infanzia, primaria e secondaria, si ritroveranno a Roma il 24 febbraio 2018 per una grande manifestazione nazionale a sostegno della meritocrazia a scuola.

Il corteo avrà inizio da Piazza dei Cinquecento alle ore 10 e proseguirà fino all’  Avr Auditorium Via Rieti, 13   ( https://g.co/kgs/brSfgB ‘ ) dove, dalle ore 11.00, si terrà un convegno nel quale interverranno insegnanti, docenti universitari, personalità politiche, tecnici del MIUR e sindacati.

Sostenere la formazione e la selezione è fondamentale a seguito dei nuovi scenari aperti dalla sentenza del Consiglio di Stato, con la quale è stato negato ai diplomati magistrali ante 2002 l’ingresso nelle graduatorie ad esaurimento.

I docenti hanno scelto di unire le loro voci per ricordare alla politica che la scuola non è, e non può diventare, un ammortizzatore sociale e che l’accesso al pubblico impiego deve avvenire mediante superamento di un concorso, come recita l’articolo 97 della Costituzione.

Comitato tutela docenti precari Gae infanzia e primaria

Coordinamento Nazionale Scienze della Formazione Primaria Nuovo Ordinamento

Coordinamento Nazionale Docenti Gae

Coordinamento Nazionale Vincitori Concorso 2016

Comitato Nazionale Docenti iscritti in GAE

Versione stampabile
Argomenti:
anief
soloformazione