Diploma magistrale. UIL scuola: Consiglio di Stato accoglie l’appello e dispone inserimento ricorrenti in GaE

WhatsApp
Telegram

Inviato da Mauro Colafato, Segr. Gen. UIL Scuola Cremona – Il Consiglio di Stato, con Ordinanza n. 3326/2017, emana cautelare in favore dei ricorrenti UIL Scuola rappresentati e difesi dall’avv. Domenico Naso.

Dopo una prima richiesta di inserimento in GaE, respinta dal Tar, i ricorrenti si sono rivolti al massimo organo di consulenza giuridico-amministrativa e di tutela della giustizia nell’amministrazione pubblica, che ha accolto l’appello.

Il Consiglio di Stato, infatti, ha sospeso l’efficacia esecutiva della sentenza negativa del Tar Lazio (n. 1732/2017, che respingeva le istanze dei laureati in scienze della formazione primaria, evidenziando come il ricorso si rivelasse “…inammissibile e comunque irricevibile”), con la seguente motivazione:

 

Ritenuto, nell’ambito della delibazione propria della presente fase, sufficientemente comprovati i requisiti a fondamento della formulata domanda cautelare, onde allo stato risulta prevedibile un esito favorevole dell’appello in epigrafe, e che conseguentemente – previa sospensione dell’esecutività della sentenza impugnata – possa essere accolta, per quanto sotto riserva della definizione del merito del presente giudizio, la richiesta in questa sede avanzata di iscrizione degli appellanti, ad opera del Ministero dell’istruzione, dell’università e della ricerca, nelle graduatorie ad esaurimento delle rispettive province […] il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta), accoglie l’appello (ricorso numero: 4438/2017) e per l’effetto, sospesa l’esecutività della sentenza impugnata, ordina al Ministero dell’istruzione, dell’università e della ricerca l’iscrizione con riserva degli appellanti nelle graduatorie ad esaurimento delle rispettive province”.

 

Grazie a questa nuova Ordinanza cautelare, il cui contenuto è a favore dei ricorrenti laureati in scienze della formazione primaria, viene quindi annullata la sentenza breve del Tar Lazio Sez. III Bis e sono accolte le tesi dell’avvocato Domenico Naso.

I ricorrenti UIL Scuola – in attesa delle definizione nel merito del contenzioso e consapevoli che per tale categoria sono stati innumerevoli i mutamenti giurisprudenziali – dovranno pertanto essere inseriti con riserva nelle graduatorie ad esaurimento anche ai fini dell’eventuale stipula di contratto di lavoro.

 

 

 

 

ORDINANZA

WhatsApp
Telegram

Abilitazione all’insegnamento 30 CFU. Corsi Abilitanti online attivi! Università Dante Alighieri