Diploma magistrale. Anief all’USR Emilia-Romagna: presentato il decreto per la riapertura delle GaE

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Il giorno 8 gennaio 2018, dalle 11.00 alle ore 12.30 una delegazione ANIEF formata dal Presidente regionale dell’Emilia Romagna, Milena Manini, e Cinzia Piscitiello, referente provinciale ANIEF Bologna e Coordinamento DM ANIEF Emilia Romagna, è stata ricevuta a colloquio dal Dirigente dell’USR , Dott. Stefano Versari, e dal Direttore dell’USP Bologna, Dott. Schiavone.

All’incontro, a cui hanno preso parte anche delegati CUB e di Politeia di Modena, è stata chiaramente espressa la linea nazionale del sindacato. ANIEF ha ribadito le ragioni del diritto che sono alla base dell’inserimento dei DM in GAE: le sentenze positive e definitive del Consiglio di Stato dei 5 maggio sono frutto dello stesso ricorso che comprende anche i 12 maggio.

“Come possono esserci due sentenze diverse, emesse dal medesimo organo giudiziario, per lo stesso ricorso?” ha ribadito la Manini. I ricorsi vengono proposti quando c’è un diritto fondato che deve essere riconosciuto e quando ci sono sentenze che non sono espressione del diritto si deve manifestare. E questo è proprio il caso dei DM. La responsabilità era delle parti politiche e dei sindacati confederali, che da sempre siedono ai tavoli con il MIUR.

Avrebbero dovuto fornire, sin dall’origine, la risposta alla rivendicazione del valore abilitante del diploma. Se si fossero compiute scelte giuste, non si sarebbe arrivati a questo punto. L’amministrazione ha assicurato una piena comprensione della delicata posizione dei ricorrenti e delle eventuali difficoltà che si genererebbero da provvedimenti in corso d’anno. L’attenzione dell’USR è alta, soprattutto a seguito del parere richiesto dal MIUR all’avvocatura dello stato. Contrariamente alle richieste degli altri delegati presenti (mantenimento del ruolo per i DM che lo hanno conseguito, una prova concorsuale orale per coloro che hanno più di 36 mesi di servizio, un corso di formazione di 1500 ore per coloro che hanno meno di 36 mesi), ANIEF ha ribadito che l’unica strada può, e deve, essere unitaria. La soluzione è la riapertura delle GAE e ciò deve valere per i DM, per SFP e per TFA e PAS.

ANIEF ha già predisposto le prossime azioni per i DM (petizione europea, ricorso alla CEDU, impugnazione in Cassazione della sentenza della plenaria per coloro che sono interessati dagli esiti negativi della plenaria) e la più ampia linea sindacale. Nel corso delle manifestazioni, nelle piazze, è stata distribuita a tutti la bozza del decreto di riapertura GAE.
Gli incontri politici si susseguono numerosi e tante sono le attestazioni di stima e fiducia per la linea intrapresa dal Prof. Marcello Pacifico, Presidente nazionale ANIEF.
Domani pomeriggio, gli On. Maestri e Civati di Possibile (ora Liberi e Uguale) incontreranno la presidente di ANIEF Ravenna, Paola Cerioni, la delegata regionale, Milena Manini, e i rappresentanti DM, SFP, PAS, TFA e ITP per discutere del provvedimento di riapertura delle GAE e di soluzioni concrete per la Scuola.

Versione stampabile
Argomenti:
anief anief voglioinsegnare