Argomenti Consulenza fiscale

Tutti gli argomenti

Dimissioni volontarie dalla scuola: dopo quanto la pensione?

WhatsApp
Telegram

Per la pensione di vecchiaia, anche se si presentano dimissioni molti anni prima, è necessario attendere di compiere i 67 anni di età.

Andare in pensione richiede quasi sempre il bisogno di compiere una determinata età. Ma questo non vieta assolutamente al lavoratore dipendente di presentare dimissioni per attendere, senza lavorare, il momento del pensionamento. A patto di aver accumulato i contributi necessari all’accesso. Rispondiamo alla domanda di una nostra lettrice che ci scrive:

Buongiorno. Seguo sempre con molto  interesse le Vostre risposte. Ora pongo il quesito relativo alla mia situazione. 

Ho accumulato 20 anni di contributi.  Prima del 1996  ne ho versati per circa 2 mesi.

Dal 2010 mi sono iscritta al Fondo Espero nel comparto crescita. Non ho ancora riscattato la laurea.

Avendo molti problemi di salute, con un’invalidità civile (67%)  ho chiesto di recente l’aggravamento (non ho ancora ricevuto l’esito) e ora sono tentata dall’idea di dare le dimissioni dalla scuola in cui insegno.

Ho 51 anni : a quale età potrei chiedere la pensione?

La ringrazio moltissimo per l’attenzione e La saluto cordialmente.

Pensione dopo dimissioni volontarie

Se dovesse presentare dimissioni volontarie dovrebbe attendere, in ogni caso, il compimento dei 67 anni per avere diritto alla pensione. Avendo versato qualche mese di contributi prima del 1996, tra l’altro, non incorre neanche nella pensione totalmente contributiva e ricade, quindi, nel calcolo misto. Questo significa che, al compimento dei 67 anni avrà diritto alla pensione anche se non raggiunge un requisito minimo di importo e che la sua pensione, se troppo bassa, potrà essere integrata al minimo.

Le consiglio, però, prima di presentare dimissioni (ora ma anche in futuro) di consultare un patronato per verificare la situazione contributiva. Innanzitutto si assicuri di aver versato i 20 anni di contributi minimi. E poi valuti se i contributi sono stati versati tutti presso la stessa cassa previdenziale (ad esempio potrebbe avere quei famosi due mesi prima del 1996 versati nel settore privato e gli altri in quello pubblico e senza un’azione specifica potrebbero non essere presi in considerazione) per capire se è necessario procedere ad una ricongiunzione o se è il caso di richiedere una pensione in cumulo.

 

WhatsApp
Telegram
Consulenza fiscale

Invia il tuo quesito a [email protected]
I nostri esperti risponderanno alle domande in base alla loro rilevanza e all'originalità del quesito rispetto alle risposte già inserite in archivio.

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur