Dimensionamento scolastico, via libera delle Regioni alla proposta del ministro Bianchi

WhatsApp
Telegram

La Conferenza delle Regioni ha condiviso la proposta avanzata dal ministero dell’istruzione sui criteri relativi al dimensionamento scolastico.

La decisione – assunta nella riunione di ieri – consentirà che la prossima assegnazione dei dirigenti tenga conto del numero delle autonomie scolastiche e della media degli alunni presenti in ciascun territorio.

La decisione delle Regioni è maturata dopo un lungo e proficuo confronto fra le Regioni stesse e il ministero dell’Istruzione.

Il Presidente Massimiliano Fedriga ha voluto ringraziare tutti gli Assessori della Commissione Istruzione della Conferenza delle Regioni, coordinata da Claudio Di Berardino (assessore della Regione Lazio) per il lavoro svolto con senso di responsabilità, individuando un percorso di grande equilibrio che “porterà ad un accordo in una prossima Conferenza Unificata per rendere finalmente effettiva quella autonomia più volte negli anni auspicata e richiesta dalle Regioni”.

La Conferenza delle Regioni attribuisce grande importanza alla validità triennale dell’accordo che sarà sancito e raccomanda di aggiornare la posizione delle Regioni Marche, Sardegna e Umbria con riferimento ai Programma Operativo Nazionale (PON).

La decisione della Conferenza è stata già comunicata, con una lettera del Presidente Massimiliano Fedriga, al ministro dell’Istruzione Patrizio Bianchi, e alla ministra per gli Affari regionali e le autonomie, Mariastella Gelmini.

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur