Dimensionamento scolastico, Caso (M5S): “Valditara smetta di fare ‘melina’”

WhatsApp
Telegram

“Lo stop della regione Toscana alla norma sul “dimensionamento scolastico” voluta da Giuseppe Valditara è l’ennesimo segnale sulla scuola che questo governo non può più permettersi di ignorare”.

Così il capogruppo M5S in commissione istruzione alla camera Antonio Caso.

Il Movimento 5 Stelle -prosegue – ha denunciato per i primo in Parlamento tutti i rischi di una norma che taglia il numero di istituzioni scolastiche provocando accorpamenti selvaggi in molte regioni, soprattutto al Sud. Le rassicurazioni del ministro dell’istruzione valgono ben poco se – come si vede – in seno alla Conferenza Stato-Regioni non è stato trovato alcun accordo e sono pendenti davanti alla consulta i ricorsi di diverse regioni italiane. Ma soprattutto c’è tutto il mondo di chi la scuola la vive ogni giorno, dal personale ATA ai docenti e dirigenti, dai sindacati agli enti locali fino appunto alle regioni, che è in allarme costante“.

In uno scenario del genere Valditara non può continuare a fare “melina” – attacca il pentastellato – Si apra subito un tavolo di confronto coinvolgendo le forze sociali che si occupano di scuola per tornare indietro su una norma che pesa come un macigno soprattutto sulle aree più fragili, sulle periferie e sulle zone interne. Insomma su quei territori già penalizzati da spopolamento e marginalizzazione e dalla contrazione di altri servizi essenziali come quelli sanitari e da trasporti inefficienti”.

WhatsApp
Telegram

Abilitazione all’insegnamento 30 CFU. Corsi Abilitanti online attivi! Università Dante Alighieri