Dimensionamento scolastico, anche in Emilia Romagna ridotto il numero minimo di alunni per avere un DS

Stampa

Una buona notizia per il mondo della scuola, soprattutto per le strutture più piccole: è stato portato a 500, e a 300 in caso di complessi situati nei comuni montani, il numero di studenti iscritti per avere diritto all’assegnazione del dirigente scolastico e del direttore dei servizi generali e amministrativi. Lo comunica la Regione Emilia Romagna.

La modifica alla normativa nazionale, introdotta con la Legge di bilancio, permette di tirare un sospiro di sollievo anche in Emilia-Romagna, dove alcune scuole delle aree montane – tra cui quelle nei comuni di Bedonia (Parma) e Pennabilli (Rimini) – correvano il rischio di perdere nuovamente queste figure fondamentali e di vederle sostituite con dirigenti scolastici reggenti, incaricati presso altre istituzioni. Dal prossimo anno scolastico (2021/2022) potranno, infatti, superando la quota di 300 alunni, richiedere quanto tolto nell’anno in corso.

La precedente normativa – ricorda la Regione – prevedeva ‘l’acquisizione e il mantenimento della personalità giuridica’, con la conseguente assegnazione di un dirigente scolastico e di un direttore dei servizi generali e amministrativi, per gli istituti di istruzione con popolazione scolastica di almeno 600 unità, ridotto fino a 400 per le istituzioni site nelle piccole isole, nei comuni montani e nelle aree geografiche caratterizzate da specificità linguistiche. Con il cambiamento introdotto, per l’anno 2021/2022 si passa a 500 unità, che vengono ridotte a 300, appunto, per le scuole situate nelle piccole isole, nei comuni montani (è il caso dell’Emilia-Romagna) o nelle aree geografiche caratterizzate da specificità linguistiche.

Dimensionamento scolastico, Casa (M5S): l’obiettivo è mantenere scuole autonome, no alle reggenze. I dettagli

Stampa

Eurosofia: 5 nuovi preziosi webinar formativi gratuiti per i concorsi scuola e sul nuovo Pei. Non perderteli. Registrati ora