Dimensionamento 2013-14, Miur e Regioni disapplicano la legge

di Lalla
ipsef

Ufficio Stampa Anief – Dimensionamento 2013/14. Le istituzioni continuano a sbagliare, ignorando le esigenze degli studenti e le indicazioni della Consulta. A farlo non è solo il Ministero dell’Istruzione, ma anche le Regioni. L’Anief è pronta a difendere gratuitamente studenti, famiglie, dirigenti scolastici, Dsga, personale docente e Ata coinvolti nella soppressione illecita di oltre 2.000 istituti

Ufficio Stampa Anief – Dimensionamento 2013/14. Le istituzioni continuano a sbagliare, ignorando le esigenze degli studenti e le indicazioni della Consulta. A farlo non è solo il Ministero dell’Istruzione, ma anche le Regioni. L’Anief è pronta a difendere gratuitamente studenti, famiglie, dirigenti scolastici, Dsga, personale docente e Ata coinvolti nella soppressione illecita di oltre 2.000 istituti

Il Miur continua a ignorare la sentenza della Corte Costituzionale n.147/2012: per il prossimo anno scolastico, ai fini della costituzione degli istituti scolastici imporrà il parametro medio di 900 alunni, che è l’ennesimo nuovo criterio illegittimo. Inoltre, applicando ostinatamente l’ormai superato comma 5 dell’art. 19 della Legge n.111/2011, provvederà alla mancata assegnazione del dirigente scolastico e del Dsga in tutti quei casi in cui gli istituti superiori non raggiungano i 600 alunni iscritti.

Stavolta però a sbagliare non è solo il Miur, ma anche le Regioni: dalle prime risposte pervenute all’Anief dai governatori di Marche, Toscana e Lombardia, a seguito delle diffide inviate dal giovane sindacato all’inizio del 2013 alle giunte di tutta Italia, le Regioni sostengono che la Corte Costituzionale nel giugno scorso ha ribadito la loro competenza esclusiva sulla rete scolastica, ma che in ogni caso questa espressione non sarebbe in conflitto con le indicazioni del Miur. E quindi con gli effetti devastanti del dimensionamento che ha dato il là alla illecita cancellazione di oltre 2.000 istituti. Per le Regioni, in sostanza, non sarebbe stata operata alcuna arbitrarietà.

Si tratta, chiaramente, di interpretazioni errate. Come quella di coinvolgere nella soppressione degli istituti non solo i dirigenti scolastici ma anche ai Dsga. “La Legge 111 del 2011 e le norme sull’autonomia scolastica – sottolinea Marcello Pacifico, presidente dell’Anief – non fanno alcun riferimento ai Direttori dei servizi generali e amministrativi: una figura professionale che quindi non doveva essere coinvolta nel dimensionamento. Ma non è solo questo l’errore: perché, infatti, si è permesso di far cadere l’autonomia delle scuole d’infanzia, primaria e secondaria di primo grado, accorpandole in mega-istituti senza capo né coda, rette da dirigenze in perenne difficoltà, dal momento che nessuna disposizione lo prevedeva?”

Secondo l’Anief il problema è che sul dimensionamento, Miur e amministrazioni periferiche continuano a dare per buoni dei criteri e dei parametri arbitrari. Continuando in tal modo a non considerare il ruolo centrale che dovrebbero avere le Regioni, le quali conoscono molto meglio, come indicato chiaramente dalla Corte Costituzionale, le esigenze dei territori, della popolazione e degli enti locali.

Se quindi dovessero continuare a prevalere sia la linea dispotica del Miur sia la subalternità delle Regioni, l’Anief non starà di certo a guardare: il nostro sindacato è pronto a patrocinare gratuitamente dei fondati ricorsi ai Tar, con il preciso fine di annullare anche questi ultimi atti sul dimensionamento scolastico palesemente illegittimi. Non bisogna poi dimenticare che siamo di fronte ad un disagio che si va a concretizzare nei giorni in cui milioni di studenti si apprestano a scegliere gli istituti da frequentare il prossimo anno scolastico: per questo motivo, il nostro sindacato ha deciso di difendere i diritti delle famiglie.

L’Anief, inoltre, patrocinerà, sempre gratuitamente, i ricorsi dei tanti dirigenti scolastici che a seguito della soppressione e fusione degli istituti hanno perso la titolarità. Tutelerà poi i tanti Dsga finiti in esubero. Oltre che il personale docente che si è ritrovato perdente posto e il personale Ata che ha dovuto subire un illegittimo trasferimento d’ufficio. Tutti costoro – famiglie, DS, DSGA, docenti e Ata – possono inviare le richieste di informazioni sui ricorsi da attuare contro il dimensionamento del prossimo anno scolastico – quindi contro Miur e Regioni – scrivendo a [email protected]

Versione stampabile
Argomenti:
anief
soloformazione