Argomenti Didattica

Tutti gli argomenti

Didattica. Suggerimenti per l’utilizzo di storie con i bambini della scuola d’infanzia

WhatsApp
Telegram

Come nelle scuole superiori, le storie sono spesso una parte importante degli ambienti di apprendimento precoce.

Sia che siano condivisi da insegnanti, bambini, familiari o autori, le storie possono aiutare i bambini a elaborare e comprendere le loro esperienze quotidiane, esplorare un nuovo argomento o esprimere le loro risposte o emozioni su una situazione.

I libri, sia stampati che digitali, possono essere un punto di partenza per capire come integrare al meglio le storie nella classe di scuola d’infanzia. Gli insegnanti spesso si concentrano sia sull’integrazione di storie esistenti che sulla creazione e integrazione di nuove storie.

Entrambi questi approcci offrono opportunità per sostenere l’apprendimento dei bambini e migliorare le loro relazioni con i loro coetanei, educatori e famiglie. Ecco alcune pratiche basate sulla ricerca che possono guidare l’integrazione e la creazione della storia quando si lavora con bambini piccoli.

4 SUGGERIMENTI PER LAVORARE CON LE STORIE NEI PRIMI ANNI

1. Avere una selezione diversificata di storie in classe. Quando si integrano libri, sia stampati che digitali, è importante avere un equilibrio tra libri che riflettono la cultura, la lingua, lo sfondo, le identità e le abilità dei bambini, e libri che li espongono a modi diversi di vivere, essere e fare.

La selezione di libri culturalmente rilevanti può avere un impatto positivo sulla motivazione e l’impegno dei bambini nelle attività di alfabetizzazione, che a loro volta migliorano la loro alfabetizzazione emergente. Inoltre, avere una varietà di libri che offrono diverse rappresentazioni di gruppi e identità può mostrare ai bambini diverse prospettive e stili di vita .

Avere più libri che rappresentano una cultura è importante poiché ci sono variazioni all’interno dei gruppi culturali e un libro non può rappresentare in modo autentico e accurato tutte le dinamiche di una cultura.

2. Costruire storie dalle esperienze dei bambini. Anche se vengono pubblicati libri di stampa e digitali più diversi, potrebbero non esserci storie che potrebbero riflettere la cultura, la lingua, lo sfondo dei tuoi figli ecc. Per questo motivo, tra gli altri, creare storie con bambini basati sulle loro esperienze può essere utile.

L’utilizzo di istruzioni verbali per avviare o estendere una storia può aiutare a guidare i bambini attraverso il processo e mostrare loro come esprimere le loro idee. Si possono utilizzare le foto scattate dai bambini per generare storie o raccontare eventi, verbalmente o facendo qualche forma di scrittura o disegno.

3. Utilizzare diversi strumenti di narrazione e creazione per supportare la diversità degli studenti. Ascoltare e leggere libri può influenzare positivamente il desiderio dei bambini di raccontare o ricreare storie esistenti o di crearne di propri. Oltre a sviluppare le loro motivazioni, fornire opportunità ai bambini di costruire storie può anche supportare il loro apprendimento narrativo .

Quando i bambini piccoli raccontano, ricreano o costruiscono storie, è importante riconoscere la variazione che possono avere con la comunicazione e l’espressione delle loro idee. Tenendo conto di ciò si può offrire un assortimento di strumenti agli studenti per trovare quelli più adatti a loro.

Ad esempio, si può far sì che usino oggetti di scena come tessuto, piccoli blocchi, figure di animali o carta per avviare idee per nuove storie o per modificare quelle esistenti. Con strumenti multimediali come VoiceThread , ScratchJr e app per la creazione di libri , i bambini possono catturare le loro storie usando una combinazione di mezzi – audio, visivi, scritti, ecc. A seconda dello strumento e degli obiettivi del progetto o dell’attività, il coinvolgimento dell’istruttore nel processo di creazione varierà.

4. Includere le famiglie nello storytelling e nella creazione. Durante la prima infanzia, le famiglie sono una parte preziosa della comunità di apprendimento. Includerli in attività legate a storie può aiutare a costruire la connessione casa-scuola, creare storie rilevanti per gli studenti e dimostrare la natura collaborativa della comunità di apprendimento precoce.

Le famiglie possono leggere libri dalla biblioteca dell’aula a casa e riflettere insieme sugli argomenti dei libri in un diario di lettura di famiglia. Le famiglie possono anche raccontare storie alla comunità della classe che riflettono le loro esperienze e la loro cultura , sia entrando in classe o facendo una registrazione audio o video di una storia che l’insegnante possa suonare durante le lezioni. Oltre a leggere ai loro figli, le famiglie possono collaborare con gli studenti o l’uno con l’altro per creare le proprie storie .

Trovare un equilibrio tra l’integrazione di storie esistenti e la creazione di quelle che riflettono gli interessi e le esperienze dei bambini richiede tempo. Ogni insegnante avrà il proprio approccio, avrà accesso a diversi strumenti e lavorerà con un diverso gruppo di bambini e famiglie.

Mantenere una mentalità aperta sull’esplorazione degli strumenti e sull’apprendimento dalla ricerca può aiutarti a trovare strategie di storytelling e creazione di storie che siano autentiche per il docente e per la sua classe.

Da un articolo di Amanda Armstrong, dottoranda presso la New Mexico State University (NMSU) nel dipartimento di Curriculum and Instruction del College of Education.

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur