Didattica interdisciplinare: cos’è, come far interagire le discipline, come costruire un modulo – Corso con iscrizione e fruizione gratuite

di redazione

item-thumbnail

Organizzato e certificato da SO.GE.S, ente accreditato al Miur (Società del gruppo Orizzonte Scuola), in collaborazione con Orizzonte Scuola Formazione

a partecipazione al corso è gratuita, si può quindi scegliere se certificare le 25 ore di formazione, al costo di 49 euro, dopo aver visionato l’intero corso, che rimarrà comunque disponibile e fruibile gratuitamente per 150 giorni dal primo accesso in piattaforma.

Presentazione dell’iniziativa formativa:

Il corso consente di acquisire quelle competenze necessarie per garantire, nelle scuole italiane, l’interdisciplinarietà che rappresenta quella metodologia in grado di instaurare un rapporto di interazione tra le discipline ma anche tra settori della stessa disciplina.

La relazione porta a un arricchimento reciproco e a una conseguente trasformazione delle discipline e dei settori coinvolti. Tale interazione può consistere in una comunicazione di idee, nella ricerca di punti di contatto tra strutture disciplinari diverse e nell’integrazione dei concetti fondamentali, nella pianificazione concertata della ricerca e delle metodologie didattiche.

A livello scolastico, si stabilisce una vera e propria cooperazione tra docenti che lavorano in compresenza ad un progetto comune. La costruzione di un modulo interdisciplinare coinvolge più discipline su un’abilità complessa, sulla necessità di risolvere un problema, in base a un criterio di natura intrinseca (ad esempio la capacità di comprendere un testo non è strettamente connessa a un’unica disciplina, anche se, attraverso la propria disciplina, è possibile contribuire allo sviluppo di questa abilità). Ciò attraverso non solo l’aggiornamento del Piano nazionale della formazione dei docenti, di cui all’articolo 1, comma 124, della legge 13 luglio 2015, n. 107, ma anche attraverso la nostra proposta formativa nata per rispondere ai mutati bisogni formativi.

L’iniziativa mira non solo a formare i docenti ma anche i coordinatori che si occuperanno di “Educazione civica”.

Breve presentazione del relatore/formatore

Antonio Fundarò, uno dei venti finalisti italiani dell’atlante Italian Teacher Award a.s. 2019 – 2020, è dottore in “Scienze Politiche”, in “Scienze Giuridiche” e in “Scienze dell’educazione e della Comunicazione”; dottore di Ricerca in “Uomo e Ambiente”; in “Storia della Cultura e della Tecnica”; in “Frutticultura del Mediterraneo”.

È docente in convenzione di “Storia della Filosofia” nel Corso di Laurea in “Scienze e Tecniche Psicologiche” all’Università degli Studi di Palermo (dove ha insegnato, tra l’altro, “Scrittura della Lingua Italiana”), giornalista, formatore in numerosi ambiti territoriali.

È docente nelle scuole pubbliche italiane, in ruolo da 30 anni e nelle quali ha insegnato e insegna sia alla Secondaria di Secondo Grado (Discipline giuridiche ed economiche) che alla Primaria, sempre a tempo indeterminato. Collabora a riviste scientifiche italiane e straniere. Ha scritto più di 200 articoli scientifici e un centinaio di volumi.

Ha vinto, tra i tanti altri: il Premio della Cultura Unesco nel 2010; l’Oscar del Mediterraneo per la letteratura; il primo classificato del Premio Internazionale G. Bruno, per la raccolta di racconti “Oltre”.

É stato uno dei 50 migliori docenti italiani nel 2017 selezionato dal Ministero dell’istruzione.

È stato uno del 20 migliori docenti italiani, nel 2020, selezionato dal Ministero dell’Istruzione.

Descrizione integrale del corso

Versione stampabile
Argomenti:

soloformazione