Didattica digitale, Google for Education è gratuito, versione Enterprise a pagamento con funzionalità aggiuntive

WhatsApp
Telegram

Alcuni presidi, nei giorni scorsi, avevano denunciato che la piattaforma utilizzata dalle scuole da Google fosse disponibile solo a pagamento, mentre quella gratuita fosse con poche funzionalià. 

Una polemica che è diventata politica anche per via dell’intervento di Fabio Rampelli, deputato di Fratelli d’Italia.

“Google non è un benefattore dell’umanità, non fa volontariato e quando fornisce un servizio gratuito devi aspettarti la trappola. Si tratta di un’azienda fantamiliardaria che, nel momento della massima emergenza, ha messo a disposizione la sua rete gratuitamente per le istituzioni italiane in particolare per la scuola”, scrive Rampelli.

“Quale è la ‘zampata’? Oggi vuole essere pagata, semplice e, tutto sommato, legittimo. Certo, non ci si aspettava questo ricatto proprio ora, nel bel mezzo della crisi sanitaria, sociale ed economica. È una vigliaccata, ma il vero scandalo è che a quasi un anno dall’esplosione della pandemia e dalla sospensione delle lezioni in presenza, il Governo Conte non abbia nemmeno provato a creare una propria infrastruttura tecnologica in grado di far navigare gli studenti italiani senza ricevere elemosine da Google”, conclude il deputato.

Sull’argomento è intervenuto Google che, tramite una nota, specifica: “Desideriamo rassicurare che Gsuite for Education è e rimarrà gratuito per tutte le scuole, con tutte le funzionalità tipiche della didattica a distanza. La versione Enterprise a pagamento, con funzionalità aggiuntive come la possibilità di fare riunioni su Meet con più di 100 partecipanti, è a disposizione delle scuole che possono richiederla acquistando un numero ridotto di licenze”.

G Suite offre una serie di strumenti gratuiti che aiutano gli studenti e gli insegnanti a interagire tramite diversi dispositivi in maniera sicura ed efficace;

  • gestisci la classe: crea i gruppi, assegna i compiti, crea quiz, invia feedback;
  • amministra con sicurezza: aggiungi studenti, gestisci differenti dispositivi, configura la sicurezza e le impostazioni per rendere sicuri i tuoi dati;
  • comunica a modo tuo: connetti ognuno tramite email, chat e videoconferenze;
  • collabora in qualsiasi luogo ti trovi: modifica in contemporanea ad altre persone documenti, fogli di calcolo e presentazioni;
  • organizza i tuoi compiti: costruisci liste, crea memo e pianifica incontri;
  • implementa la didattica inclusiva: agevola l’apprendimento degli studenti con bisogni educativi speciali.

WhatsApp
Telegram

Concorso a cattedra ordinario secondaria, il corso: con esempi di prova orale già pronti e simulatore EDISES per la prova scritta. A 150 EURO