Didattica digitale, formazione supplenti durante l’orario di servizio: cosa c’è da sapere

WhatsApp
Telegram

Ecco cosa dice il Minsitero in merito alla formazione che i supplenti devono svolgere per quanto riguarda la didattica digitale.

Abbiamo spiegato che i docenti, così come specifica il Ministero, sono tenuti a formarsi obbligatoriamente sugli strumenti tecnologici prevista per la didattica digitale integrata.

Le scuole, ai sensi dell’articolo 7 comma 1 del CCNI sulla didattica digitale integrata, devono attivare la necessaria formazione al personale docente sulla didattica digitale integrata, in conformità a quanto previsto dai vigenti contratti nazionali di comparto.

Un problema che potrebbero porsi i supplenti è il seguente: rientra negli orari di servizio la formazione per la didattica digitale da svolgersi con l’animatore digitale? La risposta si rintraccia all’interno di una nuova Faq del Ministero dell’Istruzione proprio sulla DDI.

Infatti la domanda è: Un supplente nominato da poco e nella cui scuola è attiva la DDI può far rientrare come formazione nel proprio orario di servizio quella svolta con l’animatore digitale sulla piattaforma in uso?

La risposta del Ministero è affermativa: “Sì, nell’ambito degli impegni di cui all’articolo 29 del CCNL. È un dovere dell’istituzione scolastica offrire formazione nonché un diritto da esercitare da parte del docente partecipare ai percorsi formativi deliberati, in particolare nella fase di ingresso, al fine di garantire l’attività didattica“.

Che differenza c’è tra didattica a distanza e didattica digitale integrata. Cosa si fa dal 7 gennaio

A proposito di docenti supplenti, c’è anche un’altra Faq sul tema formazione: Un docente a tempo determinato può accedere all’attività di formazione delle Istituzioni scolastiche?

La risposta è chiara: “Le attività di formazione deliberate dal collegio docenti coinvolgono tutti i docenti dell’istituzione scolastica, ivi compresi quelli a tempo determinato. Le istituzioni scolastiche sostengono il fabbisogno formativo dei docenti con una adeguata programmazione delle risorse finanziarie assegnate per la formazione“.

Quindi, anche i supplenti che entrano “in corsa”, devono accedere all’attività di formazione deliberata dall’istituzione scolastica per tutti i docenti, compresa anche la formazione sulla DDI.

 

FAQ MINISTERO

LINEE GUIDA DIDATTICA DIGITALE INTEGRATA

CONTRATTO INTEGRATIVO DDI

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur