Didattica a distanza: un’arma a doppio taglio? Lettera

WhatsApp
Telegram
ex

Inviata da Mario Bocola – La gestione nella emergenza del coronavirus che ha comportato la sospensione delle
attività didattiche in tutt’Italia, ha messo in moto la macchina della “didattica a distanza” dando prioritaria importanza alle nuove tecnologie della comunicazione.

In questi giorni, fino al 15 marzo i docenti dovrebbero condividere lezioni, materiale didattico con gli alunni, caricare sulle piattaforme elaborati e compiti che gli stessi alunni dovrebbero svolgere a casa. Ma le scuole di tutt’Italia sono attrezzate per la formula della didattica a distanza?

Tutti gli alunni possiedono a domicilio una postazione del pc? Molti insegnanti si stanno attivando con l’invio di materiale didattico tramite WhatsApp, ma con questa modalità non si confligge con la privacy?

I docenti con la didattica a distanza “entrano” tra virgolette nelle case dei propri alunni e questo potrebbe essere comportare un giudizio da parte dei genitori nei confronti dei docenti e non che gli stessi giudicano gli alunni. Insomma si potrebbe creare un “conflitto” a distanza tra la scuola e la famiglia. Insomma la didattica a distanza potrebbe essere un’arma a doppio taglio?

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur