Didattica a distanza, sì alla foto di fine anno. Come ci si regola per la privacy

di redazione

item-thumbnail

risponde Federica De Stefani, avvocato e responsabile Aidr Regione Lombardia – La pandemia causata dalla diffusione del covid 19 ha rivoluzionato  molti settori, compreso quello della scuola.

Da ormai oltre 2 mesi gli studenti italiani stanno sperimentato la
c.d. “didattica a distanza” che, a seconda delle scuole e delle
diverse realtà, viene effettuata con modalità e strumenti differenti.

In questa situazione, già complessa di per sé, si è inserito anche il
tema della privacy, la cui violazione viene declinata in vari modi.

C’è chi invoca il mancato rispetto del GDPR perchè sarebbe stata
proposta l’idea di una foto di classe di fine anno con incarico ad un
fotografo professionista di immortalare i ragazzi durante un
collegamento nella classe virtuale.

L’emergenza sanitaria che stiamo vivendo ha portato ad un aumento
esponenziale dell’utilizzo della rete e della tecnologia, con non
pochi problemi, è vero, legati al trattamento dei dati.

È altrettanto,  vero, tuttavia, che questo maggior impiego del digitale porta, in  molti casi, a immaginare violazioni che in realtà non esistono.

Si invoca il GDPR come se qualsiasi attività collegata ad internet
portasse, in automatico, un trattamento di dati personali.

Significativo il caso della foto di fine anno.

Qui, la violazione della privacy riguarderebbe il fatto che il
fotografo potrebbe immortalare, sullo sfondo, anche una porzione della
stanza in cui si trova il bambino.

In questo caso si perde completamente di vista il punto della questione.

Il trattamento di dati personali non riguarda il fotografo, ma
eventualmente la piattaforma che viene utilizzata per creare la classe
virtuale e partecipare alle lezioni, poiché l’iscrizione o l’utilizzo
della piattaforma in ogni caso realizza un trattamento di dati che
avviene (o dovrebbe avvenire) secondo le modalità che la piattaforma
utilizza e che sono state accettate nel momento in cui è stato
scaricato il programma per il collegamento.

Il problema della privacy non attiene allo sfondo che si vede alle
spalle del bambino, che in ogni caso è visibile da qualsiasi persona
si affianchi ad uno degli altri partecipanti alla classe virtuale e
guardi lo schermo.

Il problema è a monte.

Se non si vogliono far vedere particolari della propria abitazione
basta posizionare il bambino con il dispositivo che utilizza per il
collegamento su uno sfondo neutro, come per esempio potrebbe essere un
muro della stanza, oppure si può allargare l’inquadratura e fare in
modo che venga inquadrato solo il viso del bambino.

Rimane in ogni caso che lo sfondo dell’inquadratura non può essere
ricollegato in alcun modo al GDPR che regolamenta, come noto, il
trattamento dei dati personali, ossia di quei dati che a norma
dell’art. 4 dello stesso sono definiti come “qualsiasi informazione
riguardante una persona fisica identificata o identificabile
(«interessato»); si considera identificabile la persona fisica che può
essere identificata, direttamente o indirettamente, con particolare
riferimento a un identificativo come il nome, un numero di
identificazione, dati relativi all’ubicazione, un identificativo
online o a uno o più elementi caratteristici della sua identità
fisica, fisiologica, genetica, psichica, economica, culturale o
sociale”.

L’inquadratura del bambino che partecipa ad una classe virtuale lo
rende identificabile non perché alle spalle c’è un quadro o una
porzione di divano, ma per il fatto che sono stati dati alla
piattaforma utilizzata al momento del collegamento altri dati, come
l’indirizzo Ip o la mail ed è magari stato inserito un nome e un
cognome (in alcune piattaforme ogni bambino, nella propria
inquadratura può avere il proprio nome e cognome).

Non si tratta quindi di violazione della privacy quando si parla della
foto di fine anno, le violazioni di dati sono ben altra cosa.

Versione stampabile
Argomenti:

soloformazione