15 Aprile 2020 - Aggiornato alle 15:57

Argomenti Didattica

Tutti gli argomenti

Didattica a distanza, School Education Gateway: materiali in 23 lingue, dalle competenze base a cittadinanza, dall’Infanzia alle lingue. Tutto gratis

L’Europa, non ancora capace di unirsi politicamente, men che meno solidale, ha però, nonostante tutto, un importante punto di accesso all’istruzione e alla formazione, unico per tutte le scuole dell’UE: School Education Gateway.

L’Europa, non ancora capace di unirsi politicamente, men che meno solidale, ha però, nonostante tutto, un importante punto di accesso all’istruzione e alla formazione, unico per tutte le scuole dell’UE: School Education Gateway.

Si tratta di punto d’accesso (la maggior parte dei materiali è disponibile in 23 lingue; se desideri scaricarlo in una lingua diversa, selezionala dal menu in alto a destra, e scorri verso il basso nella sezione promo pack. Alcuni materiali sono disponibili solo in inglese), aperto a dirigenti scolastici, politici, esperti, alunni, genitori e altri professionisti dell’istruzione e della formazione.

Il progetto, che ha di suo qualche anno, torna attuale, oggi, però, e proprio al tempo del COVID-19 con punti di vista sempre aggiornati sulla politica e sulla pratica scolastica in Europa. Fornisce, inoltre, un calendario di eventi (anche formativi, ma non tutti in lingua italiana) e una raccolta di buone pratiche di progetti realizzati dalle classi di tutta Europa. Molti assolutamente adatti alla DaD.

Si tratta di un programma, attivato qualche anno fa, che ritorna a operare in coerenza con i suoi obiettivi costitutivi e la sua funzione iniziale proponendo, inoltre, commenti e opinioni di esperti europei dell’istruzione. Si tratta di School Education Gateway che continua a mettere a disposizione dei cybernauti pubblicazioni per rimanere sempre informati, tutorial pronti all’uso e materiali didattici dall’Europa destinati, direttamente, alle classi virtuali di tutta l’Italia.

European Toolkit for Schools, in un periodo così delicato, non può che essere d’aiuto a tutta la scuola europea per promuovere l’istruzione inclusiva e affrontare l’abbandono scolastico precoce che, al tempo della DaD, stranamente, diventa più rischiosa perché fondata su di una serie di fattori e assenze che difficilmente possono essere controllati. Ci sono poi altre risorse tematiche, come le buone pratiche e le guide all’apprendimento dell’imprenditorialità per le scuole secondarie superiori.

Alunni, discenti e docenti, ma anche i dirigenti scolastici, possono esplorare i contenuti in base alle nove priorità chiave dell’UE fissati per l’istruzione scolastica:

Competenze di base

“Un certo livello di alfabetizzazione e numeracy (alfabetizzazione matematica), e di conoscenza scientifica e tecnologica, è essenziale per partecipare con successo a tutti gli aspetti della società moderna. Queste competenze stanno diventando sempre più importanti dal momento che la rivoluzione digitale https://ec.europa.eu/digital-single-market/en/policies/digital-skills dà vita a nuove forme di lettura e scrittura, oltre che diversificare le fonti di informazioni.

In questa sezione trovi articoli e altri materiali su questo tema.

Puoi approfondire sul sito web della Commissione europea:

https://ec.europa.eu/education/policies/school/key-competences-and-basic-skills_it”.

Cittadinanza

“Le nazioni europee hanno bisogno che i cittadini siano impegnati nella vita politica e sociale, non solo per far sì che i valori democratici di base fioriscano negli individui e nella società, ma anche per promuovere la coesione sociale in un’epoca di crescente diversità sociale e culturale. Ecco perché i giovani devono essere dotati delle giuste conoscenze, competenze e atteggiamenti. Sviluppare competenze sociali e civili e promuovere l’uguaglianza, la coesione sociale e la cittadinanza attiva attraverso l’istruzione continua a essere un obiettivo primario di Education and Training 2020 Istruzione e Formazione 2020. Costruire approcci efficiente per raggiungere questo obiettivo è una sfida fondamentale per i decisori e i professionisti”.

Insegnamento e assistenza nella prima infanzia

“La cura e l’educazione della prima infanzia possono dare un contributo fondamentale per gettare le basi per il successo nella vita in termini di istruzione, benessere, occupabilità e integrazione sociale, specie nel caso di bambini provenienti da contesti svantaggiati. La Commissione ha elencato una serie di priorità per la cura e l’educazione della prima infanzia con lo scopo di migliorare l’accesso e la qualità di sistemi e servizi dalla nascita all’inizio della scuola dell’obbligo”.

Apprendimento delle lingue

“L’insegnamento e l’apprendimento delle lingue è essenziale per assicurare ai cittadini europei la libertà di muoversi, lavorare e imparare in Europa. Questo, a sua volta, porterà a un incremento dell’occupabilità e della crescita, e contribuirà alla reciproca comprensione di altre nazioni e culture. È inoltre essenziale per assicurare che i deficit linguistici non siano una barriera alla partecipazione nella società. Il ruolo della Commissione europea è coordinare gli sforzi con i governi nazionali al fine di perseguire gli obiettivi del quadro strategico per le lingue con il supporto delle attività di Erasmus+. Il Label europeo delle lingue incoraggia e premia le pratiche innovative nel campo dell’insegnamento e dell’apprendimento delle lingue, in ogni fase dell’istruzione e della formazione. I progetti del Label europeo delle lingue hanno dato un contributo sostanziale alla promozione dell’insegnamento e dell’apprendimento innovativi delle lingue in tutta Europa”.

Istruzione inclusiva e contrasto dell’abbandono scolastico precoce

“Il percorso di studi può essere a rischio di frammentazione per diverse ragioni, che portano a scarsi risultati e abbandono scolastico. Le transizioni tra livelli e tipi di scuole possono essere momenti in cui sorgono problemi, ma si manifestano anche sintomi di altri disagi. Anche l’accesso all’istruzione è un problema per molti giovani.

Un alunno europeo su dieci lascia la scuola senza aver ottenuto competenze e qualifiche oggi considerate essenziali per una transizione di successo verso il mercato del lavoro e per la partecipazione attività alla società odierna. Questo li espone al rischio di disoccupazione, esclusione sociale e povertà.

Ci sono molte ragioni per le quali alcuni giovani lasciano la scuola prematuramente: problemi personali e famigliari, difficoltà di apprendimento, situazioni socioeconomiche fragili. Tuttavia, anche le caratteristiche del sistema scolastico e il clima a scuola sono fattori importanti nel coinvolgimento o nella rinuncia degli studenti. I percorsi passano attraverso diversi modi di apprendere e di essere, e questo può essere positivo per gli studenti, se sono flessibili e permettono ad alunni e famiglie di fare scelte informate.

È infatti necessario un “approccio olistico”, che coinvolga l’intera scuola e l’intera comunità (dirigenti scolastici, personale docente e non docente, studenti e famiglie) in un’azione coesiva, collettiva e collaborativa, con una forte collaborazione con gli stakeholder esterni e la comunità nel suo complesso”.

Insegnanti e dirigenti scolastici

“In Europa ci sono oltre 5 milioni di insegnanti. La conoscenza, le competenze e le attitudini di ciascuno di loro sono essenziali, e la qualità del loro insegnamento ha un effetto diretto sui risultati degli studenti. Al contempo, le richieste fatte agli insegnanti sono sempre maggiori e sempre più varie, il che significa che i docenti hanno bisogno di supporto per sviluppare continuamente le loro conoscenze e competenze. Ecco perché è essenziale che possano accedere a uno sviluppo professionale di alta qualità, a partire dalla formazione iniziale, con un supporto ai primi anni di lavoro per gli insegnanti appena entrati di ruolo e con opportunità di sviluppo professionale continuo per il resto della carriera.

La dirigenza scolastica svolge un ruolo essenziale nel creare le condizioni per il successo a tutti i livelli dell’istruzione e della formazione. I dirigenti scolastici – che non comprendono solo i presidi – hanno un ruolo chiave nel forgiare legami efficaci tra scuole, diversi livelli di formazione, famiglie, mondo del lavoro e comunità locale, tutti con l’obiettivo di aumentare i risultati degli studenti”.

Consapevolezza ed espressione culturale

“I giovani devono avere l’opportunità di sviluppare una piena conoscenza e un totale rispetto per il modo in cui le idee e i significati vengono espressi creativamente nelle diverse culture e attraverso le diverse forme mediatiche. Tra queste si annoverano: testi a stampa (libri, riviste), siti web, teatro, film, danza, giochi, arte e design, musica.

Il tempo trascorso a scuola è un’altra opportunità per i giovani di sviluppare il senso della propria identità culturale. I giovani hanno bisogno di esprimere e interpretare in modo creativo idee, esperienze ed emozioni con empatia. Questo si può realizzare attraverso una serie di procedimenti (fra cui l’apprendimento interdisciplinare) e diverse forme espressive, non solo le “arti” tradizionali.

Le scuole potrebbero valutare di lavorare in partenariato con organizzazioni esterne per creare una serie di esperienze di apprendimento”.

Sviluppo personale e benessere

“Le scuole possono svolgere un ruolo essenziale nell’aiutare i giovani a sviluppare e gestire il loro benessere fisico ed emotivo, e a vivere e lavorare con gli altri in diversi contesti.

Le aree cruciali comprendono: interazione sociale; sviluppare mente, corpo e stile di vita sani; conoscere i propri punti forti e deboli; sviluppare competenze.

Le esperienze di apprendimento possono essere opportunità per sviluppare le competenze necessarie a riflettere in maniera critica sul proprio stile di vita e a gestirlo, oltre che a comunicare e collaborare con gli altri. Possono inoltre incoraggiare i giovani ad avere aspirazioni, fissare obiettivi e lavorare per raggiungerli, e insegnare loro a essere tolleranti, valorizzare la diversità e rispettare gli altri, a superare i pregiudizi e a scendere a compromessi.

Un approccio olistico è importante perché coinvolge l’intera comunità scolastica (dirigente, personale, studenti, famiglie)”.

Istruzione all’imprenditorialità

“La competenza imprenditoriale è la capacità di identificare e cogliere opportunità, e di pianificare e gestire processi creativi che abbiano un valore culturale, sociale o finanziario.

Richiede una conoscenza dei contesti e delle opportunità, degli approcci alla pianificazione e al management, dei principi etici e una conoscenza di sé.

Comprende le competenze di creatività (immaginazione, riflessione critica, problem-solving), comunicazione, mobilitazione delle ricorse (persone e cose), e di gestione con incertezza, ambiguità e rischio.

Una visione imprenditoriale comprende anche atteggiamenti di consapevolezza delle proprie capacità, motivazione e perseveranza, e capacità di dare valore alle idee degli altri.

Affinché l’istruzione all’imprenditorialità sia efficace nello sviluppo delle competenze degli studenti, la capacità delle scuole di creare ambienti stimolanti è importante quanto le competenze personali e la motivazione degli educatori.

L’ istruzione all’imprenditorialità non può avvenire in maniera disgiunta dal mondo al di fuori della scuola e potrebbe richiedere un lavoro di concerto con organizzazioni esterne per facilitare l’apprendimento in altri modi”.

La formazione professionale e la selezione di materiale didattico

La Teacher Academy, oggi, si dimostra essere una grande opportunità; farne buon uso è una ricchezza assolutamente da non tralasciare. C’è dentro una grande varietà di opportunità di formazione e risorse per la classe virtuale oltre che, naturalmente, per le classi fisiche, quando si avrà la fortuna di ricominciare. Si produce di un catalogo unico europeo dei corsi con notizie sui corsi di formazione e di aggiornamento in aula per insegnanti in servizio (e non solo), forniti da organizzazioni indipendenti, sui corsi online forniti gratuitamente da School Education Gateway e di una selezione di materiali didattici sviluppati da insegnanti eTwinning, istituzioni dell’Unione Europea e altri progetti finanziati dall’Unione Europea.

Kit europeo di strumenti per le scuole: l’inclusione e l’abbandono scolastico precoce

Il sito, inoltre, mette a disposizione dei kit di strumenti che propongono un approccio scolastico globale e integrato, volto a perfezionare l’inclusione e a prevenire l’abbandono scolastico precoce. Può aiutare i dirigenti scolastici, gli insegnanti e altri soggetti a individuare le esigenze in termini di prevenzione dell’abbandono scolastico precoce e a trovare soluzioni adeguate. Il kit di strumenti mette insieme dati, atti pedagogici e metodologici e buone prassi di proposte collaborative nelle scuole e attorno a esse, che possono essere applicate in svariati contesti scolastici. Per scoprire il materiale si può utilizzare il seguente link:

https://www.schooleducationgateway.eu/downloads/files/promo%20packs/School%20Education%20Gateway%20promo%20pack_IT.zip

Per ulteriore materiale, in lingua inglese, usare il seguente link:

https://www.schooleducationgateway.eu/downloads/files/promo%20packs/SEG%20design%20files%20of%20not-translated%20resources.zip

Autismo online

Di particolare pregio il link Autismo online che si può trovare al seguente link:

https://www.schooleducationgateway.eu/it/pub/teacher_academy/teaching_materials/autism-online.htm

Il progetto Autisme en ligne / Autismo online è una pregevole e aggiornata piattaforma europea di informazione self-service con accessibilità aperta e gratuita per professionisti.

La piattaforma è indirizzata principalmente ai docenti della scuola primaria. Il progetto ha la finalità di condividere le conoscenze pedagogiche e didattiche per favorire l’inclusione di alunni affetti da ASD nel sistema scolastico generale europeo. Un progetto che supera, talvolta, le vergognose divisioni politiche nazionali. I contenuti della piattaforma, disponibili in lingua francese e inglese, donano a professionisti e genitori una gamma di percorsi pedagogici da adoperare con allievi/figli affetti da ASD. Strumenti diversi, come video di pratiche didattiche e testimonianze di professionisti, sono adoperati nella formazione. Sulla piattaforma è anche disponibile una biblioteca multimediale da visionare al seguente link:

https://www.schooleducationgateway.eu/it/pub/search.htm

Valori sportivi nelle classi: toolkit

La risorsa è il frutto della sinergia di sei partner internazionali finalizzata al riconoscimento del potenziale dello sport.

La risorsa serve a coinvolge i giovani in attività di classe basate sul movimento e per aiutare, congiuntamente, a ispirare i giovani europei ad alcuni dei valori che sono sinonimo di sport: rispetto, uguaglianza e inclusione.

Il progetto fornisce alla consultazione dei docenti una gran quantità di schede didattiche che si possono utilizzare con alunni della Primaria e della Secondaria di Primo grado. Le schede didattiche possono essere utilizzate in classe, in palestra o in uno spazio all’aperto, a prescindere dal programma esistente o per concluderlo.

Per la consultazione cliccare sul link:

https://www.schooleducationgateway.eu/it/pub/teacher_academy/teaching_materials/sport-values-toolkit.htm

Per scaricare le schede utilizzare il link:

https://www.wada-ama.org/en/resources/education-and-prevention/sport-values-in-every-classroom-toolkit

https://www.schooleducationgateway.eu/it/pub/resources.htm

Tutto sulla didattica a distanza

Ritorno a scuola. Il 14 settembre il riavvio in sicurezza, previsti nuovi spazi alternativi. Segui i corsi di Eurosofia sugli adeguamenti necessari