Didattica a distanza, precari: se lockdown, computer e connessioni gratis, ma residuali rispetto agli studenti

Si tratta di un passaggio delle linee guida che il MI ha elaborato in caso di nuovo lockdown. Inoltre, agli alunni che non potranno stare in aula a causa delle misure per il contenimento del contagio sarà garantita “una combinazione adeguata di attività in modalità sincrona e asincrona”.

Lezioni a distanza per una parte della classe, in diretta o streaming, l’altra parte in aula. La settimana dopo si cambia.

Una necessità che costringerà tutti i docenti a dotarsi di dispositivi e connessioni. Mentre, però , i docenti di ruolo potranno contare sulla Carta del docente, i precari ne sono sforniti.

Per tale motivo, nella bozza delle linee guida delle quali ieri vi abbiamo dato una anticipazione, al personale docente a tempo determinato al quale, se non in possesso di propri mezzi, potrà essere assegnato un dispositivo.

Si tratta devices residuali rispetto a quelli che saranno forniti agli alunni e solo ove il fabbisogno da questi espresso sia completamente soddisfatto.

GLI APPROFONDIMENTI

Didattica a distanza, precari: se lockdown, computer e connessioni gratis, ma residuali rispetto agli studenti

Didattica a distanza, come organizzarla e quali obiettivi da perseguire. Bozza Linee Guida

Didattica a distanza, cosa è previsto per gli alunni ‘fragili’ e con bisogni educativi speciali. Bozza Linee Guida

Back to school. La scuola riparte in sicurezza. Eurosofia ha creato dei nuovi protocolli formativi per sostenere la ripresa delle attività didattiche