Argomenti Didattica

Tutti gli argomenti

Didattica a distanza o integrata non è replicare ciò che si fa in classe. Un miliardo e mezzo di studenti e una nuova pedagogia

Stampa

Un miliardo e mezzo di studenti in tutto il mondo, secondo l’UNESCO, sono stati impegnati nell’apprendimento a distanza al culmine della pandemia COVID-19 nel marzo 2020. Il numero si è ridotto, di molto, ad un anno circa di distanza.

Alcuni studenti sono stati in grado di accedere a Internet per farlo, ma non tutti. La maggior parte degli studenti in tutto il mondo, che ha accesso agli smartphone, è in grado di utilizzarli come dispositivi di apprendimento. Altri sono più fortunati e hanno tablet, laptop. I loro insegnanti, alcuni senza precedenti esperienze di insegnamento online o a distanza, hanno scoperto nuovi approcci all’insegnamento e all’apprendimento ed è stato intrapreso un lavoro fantasioso per superare le vere sfide che questa realtà attuale pone.

“Per una scuola digitale”, 6 corsi gratuiti riconosciuti dal Ministero dell’istruzione

Out standing learning experiences

Mentre alcuni studenti sono tornati a scuola e all’apprendimento in presenza, il “ritorno a qualcosa di simile alla normalità” potrebbe non verificarsi fino a un certo punto del 2021 o successivamente, molto probabilmente il prossimo autunno. I insegnanti stanno esplorando cosa significa per loro la realtà dell’insegnamento online. Com’è realmente la nuova pedagogia dell’insegnamento online su larga scala? Che aspetto ha l’apprendimento impegnato in questo nuovo ambiente? In che modo l’apprendimento online può produrre esperienze di apprendimento eccezionali?

Replicare cosa si fa in classe?

In un primo momento, molti insegnanti hanno cercato di replicare online ciò che fanno normalmente in una classe. Ben presto hanno scoperto che questa non era una strategia pratica, poiché non tutti gli studenti potevano accedere a classi sincrone in modo affidabile e molti avevano difficoltà ad accedere alla tecnologia.

Le nuove scoperte

I insegnanti hanno cercato aiuto da colleghi con precedenti esperienze di insegnamento online, cercando prove di ciò che funzionava nella loro disciplina. Alcuni hanno scoperto risorse educative aperte, materiali, laboratori, video, simulazioni, giochi, che li hanno aiutati a trovare nuovi modi per coinvolgere i loro studenti online. Sono emerse alcune idee di design veramente innovative, come un corso sul COVID-19 in cui un diverso “angolo” (epidemiologia, economia, psicologia, virologia, politica) è diventato il fulcro di ogni settimana insegnata da un docente di quella disciplina.

Nuove esigenze di una società basata sulla conoscenza

Ci sono una serie di fattori separati all’opera nella società della conoscenza. Il primo è il continuo sviluppo di nuove conoscenze, che rende difficile comprimere tutto ciò che gli studenti hanno bisogno di sapere entro il periodo di tempo limitato di un programma o corso post-secondario. Ciò significa aiutare gli studenti a gestire la conoscenza – come trovare, analizzare, valutare e applicare la conoscenza mentre cambia e cresce costantemente.

Nuove aspettative degli studenti e il blended learning

La demografia degli studenti è cambiata da molto tempo: studenti più maturi, più studenti che combinano lavoro e studio, più studenti alla ricerca di opzioni di apprendimento flessibili. Gli studenti si aspettano di essere attivamente coinvolti e di vedere l’importanza del loro apprendimento per il mondo reale. Gli studenti di oggi sono cresciuti in un mondo in cui la tecnologia è una parte naturale del loro ambiente. La loro aspettativa è che la tecnologia venga utilizzata ogni volta che è appropriato per aiutarli ad apprendere, sviluppare abilità informative e tecnologiche essenziali. Questo è uno dei motivi per cui il blended learning è cresciuto e perché alcuni stanno ora esplorando un approccio all’apprendimento “capovolto”. L’apprendimento misto e online è una caratteristica della maggior parte dei piani strategici per le nostre scuole. A questi piani è stata data una nuova enfasi poiché la pandemia ha costretto l’apprendimento online ovunque.

Nuove tecnologie

I continui progressi nelle tecnologie digitali, nei social media e nei dispositivi mobili come smartphone e tablet, danno all’utente finale, allo studente, un maggiore controllo sull’accesso, la creazione e la condivisione della conoscenza. Ciò consente agli studenti, e insegnanti e insegnanti stanno trovando modi per sfruttare questo maggiore controllo degli studenti per aumentare la loro motivazione e coinvolgimento. Più di recente, gli sviluppi dell’intelligenza artificiale per l’insegnamento e l’apprendimento, la realtà virtuale e aumentata e simulazioni e giochi seri hanno ulteriormente sottolineato l’importanza della tecnologia abilitato l’apprendimento

Gli elementi chiave che contribuiscono allo sviluppo di questa nuova pedagogia

Man mano che insegnanti e insegnanti acquisiscono maggiore familiarità con le tecnologie digitali per l’insegnamento e l’apprendimento, stanno emergendo risposte e strategie pedagogiche. Gli sviluppi elencati di seguito hanno un impatto su come deve essere strutturato l’insegnamento e su come e dove deve avvenire l’apprendimento.

Il blended Learning

Fino a poco tempo, c’era una chiara dicotomia tra l’insegnamento in classe, spesso integrato da tecnologie, un sistema di gestione dell’apprendimento e risorse digitali, e l’insegnamento completamente online, in cui viene fornito un intero corso online.

Ora c’è un’integrazione molto più stretta tra insegnamento in aula e insegnamento online con il termine generico di apprendimento misto o ibrido, in cui il tempo in classe è ridotto ma non eliminato, con un tempo considerevole utilizzato per l’apprendimento online.

Flipped classroom

Nella flipped classroom, l’insegnante può registrare una lezione e/o fornire l’accesso a video, letture, risorse didattiche aperte, quiz e altre risorse su cui gli studenti lavorano prima di entrare in classe. Il tempo in classe viene dedicato all’interazione tra gli studenti e l’insegnante, sia attraverso la discussione, la risoluzione di problemi, studi di casi, esercizi pratici o lavoro di laboratorio. I materiali sono spesso progettati per essere utilizzati dopo la lezione per la revisione e gli incarichi. I modelli di insegnamento sia per le lezioni in classe che per la consegna online devono essere riconsiderati e ricalibrati in risposta alle nuove capacità tecnologiche.

Approcci collaborativi alla costruzione della conoscenza / costruzione di comunità di ricerca e pratica

Fin dai primi giorni di apprendimento online, è stata posta enfasi sulla capacità degli studenti di costruire la conoscenza attraverso domande, discussioni, condivisione di prospettive e fonti, analisi di risorse da più fonti e feedback dell’insegnante. I social media hanno incoraggiato lo sviluppo di comunità dove gli studenti condividono esperienze, discutono teorie e sfide e imparano gli uni dagli altri. Il professore non è più responsabile di fornire tutte le conoscenze o anche di fornire tutte le fonti per l’apprendimento, ma mantiene un ruolo critico come guida, facilitatore e valutatore dell’apprendimento.

Uso di risorse multimediali e didattiche aperte (OER)

I media digitali, i video di YouTube e, sempre più spesso, risorse educative aperte sotto forma di brevi lezioni, animazioni, simulazioni, laboratori virtuali, mondi virtuali e molti altri formati consentono a insegnanti e studenti di accedere e applicare le conoscenze in un’ampia varietà di modi. Ora ci sono molte migliaia di esempi di risorse educative aperte e autonome che possono essere scaricate gratuitamente per uso didattico. Gli esempi includono OpenCourse, OpenLearn.

I libri di testo e gli e-Text

Anche i libri di testo stanno cambiando per incorporare clip video e audio, animazioni e grafica ricca, oltre a diventare più interattivi, consentendo sia agli insegnanti che agli studenti di annotare, aggiungere o modificare materiale inclusi esercizi di valutazione e feedback. Gli e-Text sono sviluppati per trarre vantaggio dal materiale open source come un modo per ridurre la spesa degli studenti per i libri e facilitare l’aggiornamento dei contenuti. Questi testi elettronici sono, ovviamente, accessibili tramite smartphone, tablet, e-reader e altri dispositivi mobili. L’utilizzo di multimedia per l’istruzione non è una novità, ma, con Internet, la selezione e l’integrazione di fonti appropriate – sia da parte degli insegnanti che degli studenti – solleva questioni di qualità, utilizzo tempestivo e appropriato, molteplici punti di vista e confezionamento di un’ampia gamma di risorse nel quadro degli obiettivi di apprendimento specifici del corso e delle pratiche di valutazione. Bilanciare l’uso di risorse educative multimediali e aperte con i contenuti forniti dall’insegnante solleva questioni di proprietà del corso e risultati di apprendimento misurabili.

Maggiore controllo, scelta e indipendenza degli studenti

Gli studenti possono ora accedere a una varietà di contenuti, gratuitamente, da più fonti tramite Internet. Possono scegliere interpretazioni alternative, aree di interesse e persino fonti di accreditamento. Gli studenti dispongono di strumenti, come smartphone e videocamere, per raccogliere esempi digitali e i dati possono essere modificati e utilizzati nel lavoro degli studenti. Pertanto, la gestione rigorosa di un programma stabilito in termini di contenuto limitato scelto dall’insegnante diventa meno significativa. L’enfasi si sposta sulla decisione di ciò che è importante o rilevante all’interno di un dominio del soggetto. È probabile che gli studenti all’interno di una singola “classe” abbiano più esigenze. Nel quadro degli obiettivi di apprendimento, stanno emergendo approcci più flessibili alla scelta dei contenuti, alla consegna, alla valutazione e ad altri fattori. Altrettanto importante è educare gli studenti ad assumersi la responsabilità del proprio apprendimento e ad avvicinarsi a questo come un’abilità da insegnare e apprendere.

Stampa

Il nuovo modello di PEI, Eurosofia avvia un nuovo percorso formativo. Primo incontro il 28 aprile