“Didattica a distanza” non significa Scuola. Lettera di un insegnante al collegio docenti

Stampa
ex

inviata da Matteo De Angelis –  Gentile Dirigente, cari colleghi, mi permetto di osservare che la “didattica a distanza” – forse l’unica possibile in questo momento di inattesa emergenza – non potrà mai sostituirsi al “luogo fisico” della scuola, fatto di persone e di relazioni umane.

Non vorrei essere frainteso: ritengo utilissimi tutti gli strumenti tecnologici che già utilizziamo ampiamente e dei quali la nostra comunità scolastica può usufruire da tempo, ma tali strumenti a mio parere possono essere solo di “appoggio” alla didattica, soprattutto in questo momento di emergenza.

Forse sono più sensibile al tema, perché uno strumento musicale non si può insegnare online e perché mio figlio – che non vede più le sue maestre della primaria – pur avendo ricevuto indicazioni finalizzate a impedire che le sue giornate a casa “siano vissute come un tempo vuoto dalla didattica”, giorno dopo giorno sta ugualmente perdendo il “contatto umano” con le sue insegnanti e con la sua “comunità scolastica”.
E non penso che i bambini della primaria siano molto diversi dai nostri studenti.
Vi ringrazio di cuore, perché insieme a voi sto trovando anch’io le modalità più consone per affrontare al meglio questa forzata sospensione, e vorrei ringraziare anche la nostra Dirigente, che ci sprona a mantenere viva la nostra comunità scolastica, scusandomi per la mia scarsa positività in questo momento difficile per il nostro amato paese.
Ma mi permetto di dissentire con l’U.S.R. Emilia-Romagna quando scrive (in La questione della formazione del personale scolastico) che “Questo tempo! E questo spazio! Sono opportunità ragionevoli, per il personale scolastico, di ri-pensamento della propria competenza professionale”, perché ritengo che il personale scolastico, già in continua auto-formazione, non debba essere necessariamente chiamato a “ri-pensare” le proprie competenze nella direzione di una scuola sempre più “digitale”.
Penso invece che la tecnologia nella scuola dovrebbe rimanere il più possibile “in disparte” e “al servizio” dell’insegnamento, mentre ritengo che lo Stato dovrebbe investire maggiori risorse economiche per rendere le scuole luoghi “fisici” più accoglienti e più funzionali.
Vi saluto con la speranza di rivedervi tutti il più presto possibile (a scuola)

Stampa

Il nuovo modello di PEI, Eurosofia avvia un nuovo percorso formativo. Primo incontro il 28 aprile