Didattica a distanza, il Ministero precisa: lezioni di 45 minuti in bozza già superata

Stampa

Sulla bozza di Linee Guida sulla didattica a distanza integrata, il Ministero dell’Istruzione puntualizzato su quanto divulgato da La Repubblica.

La ministra dell’Istruzione, Lucia Azzolina, in una nota, specifica che quanto riportato da La Repubblica, in particolare sulle lezioni di 45′ non corrisponde a quanto scritto nelle Linee Guida poiché risulta già superata da una bozza inviata oggi al Consiglio Superiore della Pubblica Istruzione per il necessario parere.

Non solo: anche per quanto riguarda l’indicazione sulle mancate linee guida per la scuola media, Azzolina afferma che non è così e il documento riguarda ogni fascia di età. La didattica a distanza potrà essere integrata, come ampiamente spiegato in queste settimane, con quella in presenza.

Infine è infondato il ragionamento secondo cui si formeranno due gruppi per classe e “il primo sarà 5-6 giorni a scuola mentre l’altro 5-6 giorni a casa”. Un esempio estremizzato che non trova riscontro nel documento.

GLI APPROFONDIMENTI

Didattica a distanza, come organizzarla e quali obiettivi da perseguire. Bozza Linee Guida

Didattica a distanza, cosa è previsto per gli alunni ‘fragili’ e con bisogni educativi speciali. Bozza Linee Guida

Stampa

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur