Didattica a distanza fino a giugno? Bella (M5S): non è pensabile, appena possibile riporteremo i ragazzi a scuola

Stampa

Contagi che non scendono, tutte o quasi le scuole chiuse in alcune regioni. Ma a preoccupare ancora di più è la situazione dei ragazzi delle superiori: tutti in didattica a distanza da settimane. Si può ipotizzare la dad fino a giugno? Risponde Marco Bella, chimico e accademico, deputato del Movimento Cinque Stelle, durante una diretta di Orizzonte Scuola TV.

“Non è ipotizzabile pensare alla didattica a distanza per le scuole superiori fino a giugno ed è difficile fare delle previsioni: gli scienziati non hanno la palla di vetro. E’ però chiaro che fino a giugno la situazione sarà complessa dal punto di vista della stagionalità del virus. Appena la situazione epidemiologica migliora, riportare i ragazzi a scuola sarà la prima cosa che faremo. Per me – ribatte – la didattica a distanza fino a giugno è impensabile“.

E poi Bella raccomanda: “Serve la collaborazione di tutti per far sì che gli studenti possano tornare in presenza, trasporti e sanità compresi. Intanto pensiamo a superare questa ondata e poi affronteremo la prossima“.

E’ necessario fare una programmazione seria da qui a giugno – suggerisce Antonella Viola,  immunologa dell’Università di Padova – bisogna permettere ai ragazzi di fare un anno scolastico normale. Non si può andare di giorno in giorno a inseguire il virus e inseguire l’emergenza“.

Contagi scuola, il biologo Bucci: 30% studenti positivi? Stesso valore nel resto della popolazione. La scuola non è motore dell’infezione

Stampa

Con i 24 CFU proposti da Mnemosine puoi partecipare al Concorso. Esami in un solo giorno in tutta Italia