Didattica a distanza. Ecco tutti i risvolti fra il detto e non detto. Lettera

ex

La modalità nuova di organizzare in quattro e quattro otto una didattica a distanza legata all’emergenza da Coronavirus ha innescato molte riflessioni da parte di tutti.

Secondo il Prof. Vincenzo Rossi (RSU d’ Istituto), l’indicazione ministeriale del 13 marzo 2020 si potrebbe tradurre con questa interpretazione: “Dica, chiaramente, il Ministero che l’ anno scolastico è garantito in via emergenziale a tutti gli studenti ed a prescindere da tutto, e che si slitterà e derogherà poiché (stavolta)  PREVALE il diritto alla salute (di tutti) su quello all’istruzione !”.

Il professor Rossi ha inviato alla nostra redazione un lungo edito dal titolo grande_fratello,_cyberbull_classi,_telewebcamere_o_in_trincea_ che riproponiamo ai nostri lettori.

Docenti neoassunti, formazione su didattica digitale integrata. Scegli il corso ideato da Eurosofia per acquisire le nuove, indispensabili competenze