Didattica a distanza, come affrontare la privacy dei dati: decreto nomina del DPO

Stampa

Le scuole devono mantenere le norme sulla privacy in prima linea, anche quando l’apprendimento e l’insegnamento avvengono al di fuori delle mura scolastiche
Il Paese ha assistito a un massiccio passaggio all’apprendimento a distanza nell’ultimo mese poiché molte regioni, inizialmente, ora tutta l’Italia, hanno dovuto far fronte a chiusure obbligatorie a causa del COVID-19.

La navigazione in acque inesplorate
Molti stanno navigando in acque inesplorate, specialmente quelli spinti a creare e implementare rapidamente piani di e-learning per la prima volta.
Hanno, gli istituti scolastici, numerose cose da considerare, anche in questa più pericolosa seconda fase della pandemia da Covid-19:

  • Quali strumenti tecnologici dovremmo usare per l’apprendimento e l’istruzione virtuali?
  • Studenti e insegnanti avrebbero la possibilità di accedere a questi strumenti da casa?
  • In caso contrario, come lo affronteremmo?

La privacy dei dati
E poi c’è la privacy dei dati, che molte scuole stanno iniziando a esaminare di più mentre rivalutano i piani di apprendimento a distanza e gli strumenti che hanno adottato nella primavera 2020.
Il crescente uso di applicazioni di apprendimento a distanza oggi dovrebbe rendere le scuole preoccupate per la privacy dei dati perché molte aziende tecnologiche stanno operando in settori altamente regolamentati che potrebbero non essere storicamente presi di mira ma che, talvolta e comunque, sono pericolosamente vulnerabili.
Ma le scuole devono sempre tenere a mente le norme sulla privacy, indipendentemente dalle circostanze che le spingono ad adottare l’apprendimento a distanza.

Sfide sulla privacy dei dati nell’apprendimento remoto
Le regioni che hanno avviato, già per le secondarie superiori, la DAD e quelle che si preparano per l’apprendimento a distanza anche per le classi seconde e terze della secondaria di primo grado, devono affrontare la sfida di capire come esaminare al meglio gli strumenti e le risorse digitali per l’apprendimento continuo e l’istruzione online. Devono garantire che tali strumenti siano conformi alle normative sulla privacy.

La difficoltà a percepire il problema da parte di docenti ed educatori
Ma i docenti e gli educatori potrebbero non comprendere necessariamente tutti i problemi di privacy che derivano dall’utilizzo di questi strumenti, specialmente al di fuori delle mura scolastiche. Proprio per la naturalezza con la quale si opera, giornalmente.
Prendi la videoconferenza, ad esempio. È essenziale per l’apprendimento remoto in quanto consente a studenti e insegnanti di collaborare e comunicare da casa. Ma pone anche rischi per la privacy e la sicurezza. Con alcune piattaforme, le scuole potrebbero non essere in grado di garantire che i dati degli studenti non vengano condivisi, venduti o rubati. C’è anche la minaccia che gli hacker dirottino le videochiamate e si impossessino dello schermo di un utente per condividere contenuti inappropriati.

La privacy e la dimensione “casa” dei docenti
Ma esistono altre domande (e, dunque, pericoli) che tutti gli educatori e i funzionari scolastici devono prendere in considerazione quando si preparano per l’apprendimento a distanza, come ad esempio:
• quali documenti educativi porteremo a casa?
• Come saranno protetti?
• Quali informazioni sugli studenti potrebbero essere divulgate in un’aula virtuale?
• Le registrazioni video delle lezioni saranno conservate come un documento educativo e come verranno condivise?

Cosa stanno facendo le scuole per garantire la privacy dei dati online
Molti istituti scolastici stanno esaminando piattaforme o i sistemi di gestione dell’apprendimento che già utilizzano per vedere se possono supportare l’apprendimento a distanza senza mettere a rischio i dati degli studenti.
Stanno anche creando un elenco di strumenti che gli educatori possono utilizzare per le loro classi virtuali in modo che sappiano cosa è sicuro da usare e non si sentano obbligati a scaricare e utilizzare le applicazioni che trovano online.
I dirigenti scolastici dovrebbero anche prendere in considerazione l’organizzazione di corsi di formazione per docenti in modo che sappiano come valutare al meglio la tecnologia per l’insegnamento e l’apprendimento a distanza sicuri. Devono inoltre ricordare al personale che nessuno dovrebbe essere in grado di ascoltare lezioni virtuali quando gli studenti sono presenti o riunioni in cui vengono discusse le informazioni degli studenti.
Per le scuole alla ricerca di strumenti di apprendimento remoto da utilizzare, si consiglia di trovare prodotti che applichino la crittografia, l’autenticazione forte dell’identità e le politiche sulla privacy che spieghino come il loro utilizzo dei dati degli studenti sia conforme alla normativa.

Le suite di produttività
Molti si sono rivolti alla suite di produttività, come Google s’G Suite per l’Istruzione e Microsoft Office 365 Istruzione, così come le piattaforme di accompagnamento quali Google Classroom e Microsoft squadre, a causa della forte privacy e sicurezza caratteristiche che essi offrono.
CDW•G, ad esempio, può anche aiutare i distretti a creare una strategia di apprendimento a distanza che dia la priorità alla privacy dei dati e offre un elenco di soluzioni software per l’apprendimento a distanza e perché sono consigliate.
Nonostante le numerose vulnerabilità alla privacy dei dati che esistono in un ambiente di apprendimento remoto, i docenti dovrebbero ricordare che ci sono passaggi che possono intraprendere e supportare che possono ottenere per garantire al meglio la sicurezza dei loro studenti.

Il decreto di nomina del RPD/DPO a scuola

In allegato all’articolo un esempio di decreto di nomina del RPD/DPO negli istituti scolastici di ogni ordine e grado dell’Istruzione.

Decreto  nomina dpo

Stampa

Come fare educazione civica Digitale: dagli ambienti digitali alle fake news, dal Sexting alla netiquette. Corso con iscrizione e fruizione gratuite