Didattica a distanza, assunzione mille assistenti tecnici: come avverranno le nomine. Gestiti da scuole polo

Stampa

Didattica a distanza, assistenti tecnici di informatica supporteranno le scuole sino al 30 giugno.

Decreto cura Italia e DM 186/2020

Il decreto legge n. 18 del 17 marzo 2020 ha previsto l’assegnazione di 1000 assistenti tecnici alle scuole del primo ciclo (infanzia, primaria e secondario I grado) per supportare la didattica a distanza. In attuazione di tale decreto legge, il Ministero ha emanato il DM 186 del 26 marzo 2020.

Di seguito tutte le indicazioni relative alle procedure che saranno seguite per giungere alla nomina a tempo determinato dei 1000 assistenti tecnici di informatica e ai compiti che gli stessi svolgeranno.

Coronavirus, assunzione 1000 assistenti tecnici da graduatoria istituto. Ecco quanti ne spettano per ogni regione

Procedura assegnazione e scuole polo

Il contingente di 1000 assistenti tecnici è assegnato agli Uffici scolastici regionali, sulla base del numero di alunni presenti nelle scuole del primo ciclo della Regione di riferimento.

I direttori degli UU.SS.RR., poi, individuano delle scuole polo tra le scuole del primo ciclo d’Istruzione, sulla base di:

  • un’omogenea distribuzione sul territorio regionale;
  • specifiche esigenze e diverse tipologie e condizioni di funzionamento delle scuole delle regione di riferimento.

Gli Uffici regionali, nel medesimo provvedimento di individuazione delle scuole polo, indicano anche le scuole del primo ciclo appartenenti alla rete di riferimento della scuola polo.

In sintesi, vengono individuate le scuole polo regionali e indicate l’insieme di scuole che fa riferimento a ciascuna di esse (scuole polo).

Ciascuna scuola polo coordinerà l’attività degli assistenti tecnici, come di seguito chiarito. 

Nomina assistenti: chi, da quali scuole e contratti

La nomina degli assistenti tecnici di informatica avviene nel modo seguente:

  1. i dirigenti delle scuole polo richiedono l’individuazione degli aspiranti alla scuola secondaria di II grado più vicina, in possesso delle graduatorie di istituto per assistenti tecnici di informatica;
  2. i dirigenti delle scuole polo stipulano con gli aventi titolo (individuati come detto nel punto precedente) un contratto sino al 30 giugno 2020 (termine delle attività didattiche).

Così leggiamo nel DM 186/2020 (articolo 2/4):

4. I dirigenti scolastici delle scuole polo richiedono all’istituzione scolastica secondaria di secondo grado più vicina, in possesso delle graduatorie di istituto per assistenti tecnici di informatica, l’individuazione dell’aspirante alla nomina e stipulano con l’avente titolo un contratto a tempo determinato sino al termine delle attività didattiche.

Mansioni

Le scuole polo, come si evince dalla lettura del DM 186/2020, nello svolgimento dell’attività didattica a distanza, supporteranno le scuole che fanno riferimento alle stesse.

Attraverso gli assistenti tecnici, le suddette scuole polo devono:

  • svolgere consulenza e supportare all’utilizzo delle piattaforme e allo svolgimento dell’attività didattica a distanza;
  • supportare anche gli alunni nell’utilizzo degli strumenti assegnati in comodato d’uso.

Evidenziamo che resta di competenza delle singole scuole, che fanno riferimento alla scuola polo, la progettazione, la predisposizione e l’organizzazione dell’attività didattica.

Ripartizione regionale

Di seguito la ripartizione per Regione, come indicata dal DM 186/200:

Stampa

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur