Didattica a distanza, alunni con DSA e con BES: strumenti e supporto. Tutte le info

WhatsApp
Telegram

Didattica a distanza, indicazioni ministeriali per studenti con DSA e Bisogni Educativi Speciali non certificati.

Nuove indicazioni Ministero

Il Ministero, con la nota n. 388 del 17 marzo 2020, ha fornito ulteriori informazioni sulla didattica a distanza, precisando e integrando le indicazioni già fornite con le note del 6, dell’8 e del 13 marzo.

Coronavirus, didattica a distanza: nuove indicazioni del Ministero. Nota

La nota del 17 marzo fornisce indicazioni in merito a:

Alunni con DSA certificati

I consigli di classe, nella progettazione e realizzazione delle attività didattiche a distanza, devono prestare particolare attenzione agli alunni con disturbi specifici di apprendimento certificati ai sensi della legge n. 170/2010.

La bussola da seguire deve essere il piano didattico personalizzato, per cui si deve prevedere, anche per la attività a distanza, l’uso di di strumenti compensativi e dispensativi previsti nei predetti piani.

Tra gli strumenti compensativi nella nota si citano, a titolo esemplificativo, i software di sintesi vocale che trasformano compiti di lettura in compiti di ascolto, libri o vocabolari digitali, mappe concettuali.

Si richiama integralmente, ad ogni buon conto, il Decreto ministeriale 5669 del 12 luglio 2011 e le relative Linee Guida.

Alunni con BES non certificati

Per quanto riguarda gli alunni con BES, che abbiano difficoltà linguistiche e socio-economiche, le scuole si adoperano per fornire le necessarie strumentazioni tecnologiche.

Il dirigente scolastico, quindi, in caso di necessità da parte dello studente di strumentazione tecnologica:

  • attiva le procedure per assegnare, in comodato d’uso, eventuali devices in possesso della scuola

oppure

WhatsApp
Telegram

Devi affrontare la “Prova disciplinare per docenti assunti da GPS”? Preparati al colloquio finale con il corso intensivo a cura dei nostri esperti